Quantcast

“Positano Racconta”, incontro con lo scrittore Mario Desiati per “Spatriati” fotogallery video segui la diretta

Continua la rassegna “Positano Racconta” a cura della Fondazione De Santis con il patrocinio del Comune di Positano . Oggi l’appuntamento alla Chiesa Nuova con lo scrittore Mario Desiati per parlare del suo ultimo libro “Spatriati” seguito da Positanonews. Nel video su Positanonews TV  un breve intervista della dottoressa Sara Federico di Sorrento.

Positano Racconta, appuntamento con lo scrittore Mario Desiati

I protagonisti del romanzo sono Claudia, una donna in perenne fuga, a cui la provincia sta stretta, e Francesco, che sembra avere un atteggiamento opposto. Come l’autore rivela: “Spatriato a volte è anche un insulto, un modo per definire in modo spiccio una persona che non ha un posto fisso, non ha un’identità chiara rispetto agli altri. Altre volte è un modo simpatico per definirsi fuori dal coro. Altre volte ancora è semplicemente un’identità fluida, forse più libera, come sono i personaggi di questo romanzo”.

Mario Desiati è nato a Locorotondo nel 1977, risiede a Roma e per alcuni periodi dell’anno vive a Berlino. Cresciuto a Martina Franca occupandosi di cronaca politica e sportiva su giornali locali tra cui Il Corriere della Valle d’Itria, in seguito alla laurea in giurisprudenza conseguita a Bari nel 2000 ha lavorato in uno studio legale in Valle d’Itria e pubblicato saggi sulla responsabilità civile. Nel 2003 si è trasferito a Roma, dove è stato caporedattore della rivista Nuovi Argomenti ed editor junior della Arnoldo Mondadori Editore. Dal 2008 a ottobre 2013 si è occupato della direzione editoriale di Fandango Libri confluita oggi nel gruppo indipendente Fandango editore. Ha scritto e pubblicato poesie, antologie, saggi e romanzi. Collabora con La Repubblica e L’Unità. Da un suo romanzo è stato tratto il film Il paese delle spose infelici, opera a cui non ha collaborato come sceneggiatore. Sue opere sono tradotte in inglese, tedesco, francese, spagnolo, olandese, coreano.

Commenti

Translate »