Quantcast

Positano, la guerra dei bus turistici. Ora vogliono fare il servizio di linea da Sorrento e passare pure all’interno del paese

Più informazioni su

Positano, la guerra dei bus turistici. Ora vogliono fare il servizio di linea da Sorrento e passare pure all’interno del paese . La battaglia contro i bus turistici in Costiera amalfitana è in particolare a Positano non è finita con l’ordinanza del Prefetto di Salerno , continuano a nascere nuove richieste che faranno prefigurare di nuovo il caos pre pandemia da Covid . Ricordiamo aria invivibile, traffico per ore , feriti e morti, insomma una vera e propria guerra.

La “Pintour”  ha presentato ricorso al Tar contro la decisione della Regione Campania di impedire all’operatore di svolgere il servizio di trasporto pubblico per le strade del centro di Positano. Ad aprile dello scorso anno, gli uffici regionali avevano autorizzato la “Pintour” a svolgere un servizio di linea da Sorrento a Positano, con diverse fermate previste proprio lungo la strada interna della città verticale.

L’ex sindaco  Michele De Lucia , oggi assessore con delega in materia di bilancio, tributi e programmazione finanziaria, aveva presentato ricorso al Tribunale amministrativo regionale chiedendo l’annullamento dell’autorizzazione ottenuta dalla Pintour, in quanto il passaggio nelle impervie stradine del paese avrebbe rappresentato un pericolo per l’incolumità di residenti e turisti. Senza dimenticare che un eventuale attraversamento degli autobus del trasporto pubblico sarebbe stato di intralcio in caso di intervento mezzi di soccorso. Dopo l’accoglimento della richiesta da parte del Tar è arrivato il decreto dirigenziale della Regione Campania che aveva ordinato la soppressione dellefermate nelle centralissime Via Pasitea e Piazza dei Mulini, al fine di evitare possibili problemi provocati dal transito dei mezzi nella strettissima e caratteristica strada che conduce nel cuore di Positano.

Le osservazioni di De Lucia, secondo la Regione Campania, assumevano un carattere di assoluta prevalenza, tenuto anche conto della particolare conformazione delle vie interne comunali. Gli uffici diretti dalla giunta regionale, guidata dal presidente Vincenzo De Luca , avevano offerto all’operatore di trasporto pubblico la possibilità di stilare un nuovo programma di esercizio, sottolineando, però, che era escluso il passaggio via Pasitea e Piazza dei Mulini. Il 24 maggio scorso, però, la società di trasporto pubblico ha presentato a sua volta ricorso al Tar citando in giudizio la Regione Campania, l’ACaMir, l’Agenzia campana mobilità infrastrutture e reti regionale, ed il Comune di Positano che con apposita delibera ha affidato l’incarico legale all’avvocato Carla Lauretano .

«La salvaguardia degli abitanti di Positano è la nostra priorità»,  ha detto il sindaco Giuseppe Guida . «La concessione della Regione Campania si sovrapponeva, tra le altre cose, anche a linee già esistente con un ingresso all’interno del paese che avrebbe potuto creare problemi,anche perché già da tempo c’è una società autorizzata che svolge questo lavoro. La Regione, sulla base delle nostre osservazioni, ha ritenuto di annullare la concessione e la “Pintour” ha ritenuto quindi di impugnare l’annullamento della Regione Campania al quale noi ci costituiremo per difendere questa decisione. La tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente sono alla base del nostro agire ».

Qui il testo della delibera di incarico con le motivazioni

Positano delibera costituzione al Tar contro Pintour

Più informazioni su

Commenti

Translate »