Quantcast

Laurino zona rossa, il prete no vax si difende: “Hanno voluto trovare il morto su cui scaricare le responsabilità”

Il sindaco di Laurino ha firmato l’ordinanza con la quale dispone zona rossa a causa dei 30 casi di covid-19 su 1300 abitanti. Tra le cinque persone ricoverate anche due suore, tra l’altro, del coro della chiesa.

In base a quanto riportato da Info Cilento, il focolaio sarebbe partito dalla parrocchia. Anche don Loreto Ferrarese è positivo al virus, ma tenta di difendersi dicendo: Solo cattiverie, è accaduto tutto velocemente, se c’è stata leggerezza da parte di qualcuno sicuramente non possono accusare me. Sappiamo tutti che il virus a Laurino è arrivato da altri casi presenti in un comune vicino. Hanno voluto trovare il morto su cui scaricare le responsabilità. La mascherina è una museruola? Hanno voluto solo strumentalizzare una mia battuta fatta al termine di una celebrazione religiosa con un fedele perché non capivo bene le sue parole. Sono sereno. Sto ricevendo tante testimonianze di affetto e di solidarietà.

In passato il prete avrebbe negato l’esistenza del virus, si sarebbe detto contrario al vaccino e a quanto pare non aveva l’abitudine di indossare la mascherina durante la celebrazione della messa.

Commenti

Translate »