Quantcast

Il Comitato Tuteliamo la Costiera Amalfitana commenta le parole del sindaco Reale sul depuratore consortile

Il Comitato Tuteliamo la Costiera Amalfitana interviene sulla notizia del nuovo portale online portale dedicato al Grande Progetto “Risanamento ambientale dei corpi idrici superficiali della provincia di Salerno” nel quale si parla anche del depuratore consortile di Maiori e Minori che si trova in fase di progettazione esecutiva e per il quale il Sindaco di Minori Andrea Reale afferma: “L’impianto consortile di Maiori e Minori è stato progettato per 40.000 abitanti equivalenti, con l’obiettivo di rendere il servizio adeguato agli importanti flussi turistici che interessano il nostro territorio nella stagione estiva”.

Ed ecco il post pubblicato sulla propria pagina Facebook dal Comitato Tuteliamo la Costiera Amalfitana: «Non arretrano di un passo… vanno avanti senza valutare tutte le perplessità avanzate in questi mesi dal nostro Comitato e dalle altre forze contrarie al maxi depuratore da costruire e installare a Maiori.

Si vuole salvare l’ambiente, la bio diversità e la tutela del territorio ma nello stesso tempo si distrugge un’oasi naturale e di grande pregio ambientale e turistico, quale è quella del demanio!

Si vuole incrementare e migliorare la vocazione turistica della costiera e con l’impianto del depuratore a Maiori si distrugge senza pensarci due volte quella vocazione turistica che si dice di voler difendere.

Inoltre stiamo assistendo ad un’assenza totale di impegno, a contrastare il progetto del depuratore a difesa del turismo e del territorio di Maiori, da parte delle forze economiche locali costituite da piccole imprese di consumo, bar, ristoranti e di accoglienza alberghiera.

C’è anche un silenzio ipocrita, tranne il distinguo del Consigliere Mormile di Minori, da parte degli altri amministratori e consiglieri comunali del comprensorio ai quali sta più che bene consegnare il ‘pacco’ ai Maioresi, che per la verità in buona parte sembrano accettar tacendo.

Il Comitato continuerà la propria opera di informazione e contrasto a quest’opera sciagurata, progettata in danno ad un luogo ad alto valore ambientale e all’intera di città di Maiori.

Il sito https://risanamentoambientalesalerno.eu/ è una presa in giro. Doveva essere imbastito 5 anni fa affinché i cittadini potessero avere accesso ad una corretta informazione su un intervento ad impatto ambientale come il mega-depuratore del demanio. Adesso a cose fatte e gara iniziata è solo un palliativo per le omissioni e la disinformazione di questi anni». (v. risanamento ambientale)

Commenti

Translate »