Quantcast

Il Collettivo UANM intervista la comunità di Praiano sul tema dell’omosessualità segui la diretta

Giugno è il mese del Pride, l’orgoglio e la libertà di essere omosessuale!  Il Collettivo UANM, con un post sulla sua pagina Facebook, interviene sull’argomento: «Giugno è il mese che vede tante strade del mondo risplendere con i colori dell’arcobaleno per la difesa e la lotta dei diritti di tutti, proprio come accadde il 28 giugno del 1969 a New York per il primo Gay Pride della storia. In vista di questa ricorrenza abbiamo intervistato la comunità costiera. Cosa avrà risposto alla domanda “Cosa faresti se tu* figli* ti dicesse: Mamma, papà sono gay?”. Abbiamo iniziato intervistando la comunità di Praiano. L’idea era quella di cominciare da Amalfi dove però nessuno ha accettato di rilasciare dichiarazioni. In un caso preciso, dopo esserci presentati e ancor prima di comunicare il tema della nostra intervista, abbiamo subito minacce verbali che per poco non si sono tradotte in violenza fisica.

Ascoltiamo chi ha deciso di dire la propria a Praiano, invitando la comunità amalfitana a far sentire la sua voce sull’argomento.

Precisiamo che questo video non vuole essere indicatore di quanto l’omosessualità sia socialmente accettata a Praiano o in costiera amalfitana. Nella precedente rubrica di #UanmLGBT+, abbiamo presentato i dati del sondaggio “Omofobia in costiera amalfitana” rivolto alla comunità locale di lesbiche, gay, bisex, trans. La situazione, ahinoi, non è per niente confortante.

Ringraziamo le persone intervistate perché, al di là dell’opinione espressa, hanno deciso di esporsi e di metterci la faccia su una tematica socialmente importante come quella dell’omosessualità.

Il confronto, quando è costruttivo, è sempre un momento di apertura e crescita».

Commenti

Translate »