Quantcast

Green Pass A-Social

Più informazioni su

Green pass: perché è una pessima idea pubblicarlo sui social. Parola di Garante Privacy

Maria Scopece per www.startmag.it

L’Autorità garante della protezione dei dati personali torna a discutere di Green Pass. Dopo aver ammonito PagoPA per la diffusione dei dati dei cittadini attraverso l’app IO, l’applicazione dalla quale si può scaricare il Green Pass (qui le conclusioni del procedimento col via libera dell’authority), ora mette in guardia dai rischi legati alla diffusione dell’immagine del QR code del certificato sui social.

La preoccupazione di Guido Scorza

Con l’arrivo dei primi green pass europei, infatti, diversi utenti dei social network stanno postando le immagini dei QR-code dei loro certificati. Guido Scorza, componente Collegio Garante protezione dei dati personali, dice senza mezzi termini che è una pessima idea.

I dati contenuti nei QR del Green pass

Il QR-code del Green Pass “è una miniera di dati personali invisibili a occhio nudo ma leggibili da chiunque avesse voglia di farsi i fatti nostri”, scrive l’avvocato su Agenda Digitale. Dal codice QR è desumibile “chi siamo, se e quando ci siamo vaccinati, quante dosi abbiamo fatto, il tipo di vaccino – continua Guido Scorza -, se abbiamo avuto il Covid e quando, se abbiamo fatto un tampone, quando e il suo esito e tanto di più”. Il QR-code dovrebbe essere esibito esclusivamente alle forze dell’ordine e a chi è autorizzato dalla legge a chiederne la visione. Inoltre lo stesso deve essere scansionato solo attraverso l’apposita app di Governo “che garantisce che il verificatore veda solo se abbiamo o non abbiamo il green pass e non anche tutte le altre informazioni e, soprattutto, non conservi nulla”.

I rischi dalla diffusione dei dati sanitari

Il rilascio incontrollato di dati sanitari potrebbe permettere a eventuali malintenzionati di “desumere che la persona ha patologie incompatibili con la vaccinazione o è contraria al vaccino”. Queste informazioni potrebbero essere utilizzate per “negare impieghi stagionali, tenere lontani da un certo luogo, insomma per varie forme di discriminazione. O anche per fare truffe mirate o per fare profilazione commerciale. Immaginiamo la possibilità che questi dati finiscano in un database venduto e vendibile”.

Più informazioni su

Commenti

Translate »