Quantcast

Festival del Libro d’inchiesta dopo Catello Maresca , Antonio Massari con “Magistropoli”. Iurillo “Libro che spiega la sfiducia” segui la diretta

“Questo libro spiega l’indice basso di fiducia nella magistratura, crollato negli ultimi anni…” Con questo inizio Vincenzo Iurillo ha parlato questa sera del libro di Antonio Massari “Magistropoli” . Una rassegna di grande spessore politico e giornalistico questa di Vincenzo Iurillo, giornalista del Fatto Quotidiano di Piano di Sorrento. Appuntamento fisso tutti i lunedì sera su una terrazza con vista su Capri a Massa Lubrense per conversare sui grandi fatti di cronaca e sui temi al centro dell’agenda della politica e del giornalismo.  E’ questo dunque  il filo conduttore della prima edizione del Festival del Libro d’Inchiesta che si svolgerà presso il resort “Gocce di Capri” di Massa Lubrense, che è iniziato  lunedì prossimo con la presentazione di “Nco – le radici del male” firmata dal pm antimafia di Napoli Catello Maresca.

La rassegna, è nata da un’idea dell’imprenditore e consulente turistico Marco Cocurullo e del giornalista Vincenzo Iurillo ( meriterebbe sicuramente i patrocini dei Comuni e della Regione Campania, ma viste le ultime vicende con Saviano al Ravello Festival non è facile quando si toccano temi e autori impegnati come questi , ndr ) .  I nomi sono davvero di grande spessore e qualità.

Si è partiti con la  ricostruzione narrativa del fenomeno della camorra dagli anni ’70 ai giorni nostri da parte di  Catello Maresca,  candidato sindaco a Napoli , che è stato  intervistato dal giornalista de il Mattino Leandro Del Gaudio, per poi passare questa sera 21 giugno a “Magistropoli”, il libro di Antonio Massari de il Fatto Quotidiano, che ha squadernato con documenti inediti i segreti del caso Palamara e della lottizzazione politica della magistratura. Parteciperanno Luigi de Magistris, sindaco di Napoli ed ex pm di Catanzaro, Antonio Esposito e Claudio D’Isa (ex magistrati componenti del collegio di Cassazione del processo Mediaset a Silvio Berlusconi) e Vincenzo Maiello, avvocato e docente ordinario di diritto penale alla Federico II.

Il 28 giugno il libro “La Verità negata” di Vincenzo Iurillo e Dario Vassallo su uno dei misteri della cronaca dell’ultimo decennio, l’omicidio irrisolto del sindaco di Pollica Angelo Vassallo. Tra i relatori l’avvocato Antonio Ingroia, legale della famiglia Vassallo e l’ex Governatore della Campania e candidato Sindaco di Napoli Antonio Bassolino. Le interviste saranno a cura del presidente dell’Ordine dei giornalisti campani Ottavio Lucarelli.

“Parassiti” dei giornalisti Primo Di Nicola e Antonio Pitoni, autori di una inchiesta sul fenomeno dell’evasione fiscale e su tutte le promesse non mantenute dalla politica nella lotta a chi non paga le tasse, è in programma il 5 luglio. Saranno intervistati da Natale De Gregorio, giornalista e comunicatore della società di consulenza “Lievito Consulting”.

Il 12 luglio ci sarà Sergio Rizzo, giornalista de La Repubblica ed autore insieme a Tito Boeri di “Riprendiamoci lo Stato”, un saggio-inchiesta sulle incrostazioni della burocrazia che bloccano la crescita del Paese. Rizzo ne discuterà con l’ex procuratore nazionale antimafia ed europarlamentare Franco Roberti. Ad intervistarli la giornalista di SkyTg24 Gaia Bozza. Il 19 luglio “Quarta Mafia” di Antonio Laronga ci racconterà la mafia foggiana, una delle più feroci. Se ne parlerà con il senatore della commissione parlamentare Antimafia Marco Pellegrini, con le domande del cronista Dario Sautto de il Mattino. Il 26 luglio il libro “Persona Ambiente Profitto” del professore Giovanni Maria Flick sarà l’occasione per dibattere sui temi dello sviluppo sostenibile con l’autore (già ministro di Giustizia del primo governo Prodi) e con il fondatore di Univerde ed ex ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio.

Il 2 agosto “Diaz – processo alla polizia” di Alessandro Mantovani ci riporterà indietro a una pagina nera della nostra storia: la repressione ‘cilena’ del dissenso durante il G8 di Genova nel 2001. L’autore sarà intervistato dallo scrittore e poliziotto Francesco Paolo Oreste. Il 9 agosto “Mio fratello” di Giovanni Impastato sarà l’occasione per ricordare l’eccezionale vicenda umana di Peppino Impastato con la presenza di rappresentanti dell’associazionismo e del giornalismo antimafia, tra i quali don Tonino Palmese di Libera, il senatore Sandro Ruotolo e Francesco De Notaris della “Antonino Caponnetto”.

Il 16 agosto “Il caso Kashoggi” di Marco Lillo e Valeria Pacelli, l’instant book sulle carte inedite dell’omicidio del giornalista Jamaal Kashoggi, firma del Washington Post, ucciso nel consolato di Riad a Istanbul il 2 ottobre del 2018. Un delitto forse commissionato da Bin Salman, definito da Matteo Renzi “protagonista del rinascimento saudita”. Il 23 agosto “Piazza Fontana” di Gianni Barbacetto, frutto di una ricerca lunga decenni, aprirà una finestra “sulla madre di tutte le stragi” del nostro paese, che secondo l’autore fu l’inizio di “una guerra non ortodossa”. Barbacetto sarà intervistato dalla giornalista Ertilia Giordano.

La rassegna si concluderà il 30 agosto con “Memorandum al candidato”, il saggio di Viviana Solari, esperta di comunicazione politica, sul ruolo della comunicazione e dell’uso dei social nella ricerca del consenso. Parteciperà la candidata sindaco di Napoli Alessandra Clemente.

Commenti

Translate »