Quantcast

Donne che corrono coi lupi 2.0

Donne che corrono coi lupi” (1989) è un celebre saggio della psicanalista junghiana americana di origini messicane Clarissa Pinkola Estes che ha cambiato la vita di molte lettrici attraverso la scoperta di una psicanalisi del femminile fondata attorno alla straordinaria intuizione della Donna Selvaggia: una forza psichica potente, istintuale e creatrice, lupa ferina e al contempo materna, ma soffocata da paure, insicurezze e stereotipi. “La ragazza dei lupi” (2019) invece è un saggio di Mia Canestrini, zoologa freelance e speaker radiofonica che da dieci anni studia esemplari di lupi italiani ed è impegnata in ricerche sulla difesa della biodiversità. Trent’anni dopo Pinkola Estes il lupo torna protagonista, ma nel caso della Canestrini non ci interessa perché icona junghiana, ma come rappresentante di una biodiversità da salvaguardare anche e soprattutto dopo la terribile esperienza della pandemia. La Canestrini è oggi impegnata insieme con altre colleghe, come ci racconta Giacomo Tolignani su Green & Blue di La Repubblica, nel primo monitoraggio nazionale dei lupi italiani. La “lupologa” bolognese ha raccontato in “La ragazza dei lupi” e in molte trasmissioni radiofoniche le problematiche legate alla sopravvivenza del lupo italiano che negli anni Settanta, ridotto a 300 esemplari, ha rischiato l’estinzione, oggi è alle prese con cambiamenti climatici e riduzione di habitat ma soprattutto “biodiversità genetica” sempre più esemplari hanno, infatti, nel loro albero genealogico un cane, questi incroci dal punto di vista conservazionistico potrebbe rivelarsi una minaccia, non sappiamo ancora se e come queste varianti genetiche di origine domestica influenzeranno le popolazioni selvagge, il monitoraggio in corso, però ci aiuterà a capire un po’ di più di “fratello lupo” ma soprattutto a proteggerlo da noi umani. In sostanza con una battuta potremmo scrivere che è in atto una rivoluzione copernicana nel senso che oggi “Cappuccetto Rosso” si è messa sulle tracce dell’antico “nemico” per  salvarlo dai bracconieri, restituirlo alla foresta, garantirgli un futuro dignitoso. E il caso di augurare loro, in bocca al lupo, o no? di Luigi De Rosa
“La ragazza dei lupi” (Pickwick; 2020) di Mia Canestrini

Generico giugno 2021

Commenti

Translate »