Quantcast

Coronavirus, De Luca: «In Campania somministreremo il vaccino AstraZeneca solo oltre i 60 anni. Dal 21 giugno saremo in zona bianca» segui la diretta

Più informazioni su

Coronavirus, De Luca: «In Campania somministreremo il vaccino AstraZeneca solo oltre i 60 anni. Dal 21 giugno saremo in zona bianca».

Anche oggi, 11 giugno 2021, come oramai usuale per ogni venerdì dall’inizio della pandemia, alle 14.45 il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, durante la diretta settimanale per gli ultimi dati sul virus, ha fatto il punto della situazione sui contagi, sulla campagna vaccinale e sulle ultime decisioni in merito al vaccino AstraZeneca. Inoltre, ha fornito aggiornamenti sulle iniziative messe in campo per la ripartenza della nostra Regione.

«Stiamo assistendo in queste ore a una vicenda che è francamente sconcertante rispetto al vaccino AstraZeneca. Il governo nazionale doveva fare due cose: garantire all’Italia la produzione autonoma di vaccini e garantire un’informazione scientifica semplice, univoca e affidabile. Non ha fatto né l’una né l’altra cosa», ha detto il Governatore della Regione Campania, nel corso della diretta. «In modo particolare – ribadisce De Luca – dal punto di vista della comunicazione ai cittadini siamo di fronte a quello che potremmo chiamare un vero e proprio disastro».

«Distribuire i vaccini non richiede premi Nobel per essere portata a compimento. In Italia la struttura commissariale è contradittoria ed è inadeguata. Non fa capo al ministero della Salute come in altre nazioni. Su AstraZeneca grandi contraddizioni. Lo sforzo organizzativo è stato fatto solo dalle Regioni. A Roma fissano gli obiettivi, ma chi fa o non fa è la singola Regione e le Asl. Oggi noi dovremmo porre un quesito, per quelli che sono sotto i 60 anni e che hanno fatto la prima dose di vaccino AstraZeneca che cosa dobbiamo fare? Io questa domanda a chi la devo rivolgere, a un generale dell’esercito o a un medico, o a uno scienziato che risponde sotto il profilo medico-scientifico? Siamo in una situazione in cui io, presidente di Regione, non so a chi devo fare la domanda, perché questo, che era il compito principale dello Stato italiano, non è stato rispettato. Pensate che noi attendiamo il pronunciamento del Cts, che non è competente per esprimersi sui vaccini. La competenza è dell’Aifa, quindi in questo momento io dovrei sapere dall’Aifa cosa dobbiamo fare con il vaccino AstraZeneca. Ci stanno dicendo, dopo averci detto nei mesi precedenti che si può somministrare senza problemi di età, che torniamo a somministrare il vaccino sopra i 60 anni. Lo avevamo già deciso autonomamente, quindi somministreremo solo sopra i 60 anni. Siamo oggi in una situazione di totale confusione», ha continuato De Luca.

Insomma, in Campania «per quel che ci riguarda non somministreremo Astrazeneca sotto i 60 anni, cercheremo di fare soltanto i richiami per chi ha fatto la prima dose ma sopra i 60 anni, fascia d’età nella quale non c’è stato alcun problema sanitario».

«Intanto ieri abbiamo raggiunto in Campania il massimo di vaccinazioni, abbiamo fatto 70mila vaccinazioni. Nella giornata di oggi superiamo i 4 milioni di vaccinati, nell’ambito dei quali abbiamo 1,2 milioni di cittadini che hanno fatto la doppia dose. Abbiamo vaccinato 5.600 dipendenti delle aziende di trasporto, è aperta a Sorrento una struttura di vaccinazione con Msc Crociere per il personale delle navi, a Caivano nella zona industriale è stato aperto un altro centro vaccinale, stiamo completando ad ore la campagna di vaccinazione del personale turistico-alberghiero nella costiera sorrentina, amalfitana, cilentana e nei Campi Flegrei dopo aver immunizzato le isole Ischia, Procida e Capri», ha affermato.

Infine, il Governatore ha detto: «Credo che dal 21 giugno saremo in zona bianca. Abbiamo avuto il livello più basso di positivi, 199, e se Dio vuole continueremo a scendere».

Più informazioni su

Commenti

Translate »