Quantcast

Capri, il tentativo di riaprire il Tribunale entro l’estate

Capri, il tentativo di riaprire il Tribunale entro l’estate. Ce ne parla Marco Milano in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano Metropolis. Ufficio del giudice di pace di Capri, si riavvicina la riapertura. La vicenda che ha tenuto banco negli ultimi mesi, da quando l’unico dipendente in servizio presso il tribunale isolano di via Roma è improvvisamente scomparso e non più sostituito lasciando “scoperto” il presidio e costringendo addetti ai lavori, professionisti, imprenditori e cittadini a trasferte in terraferma anche per semplici atti di ufficio sembra possa finire definitivamente in soffitta. La proposta portata avanti dal presidente dell’associazione avvocati dell’isola di Capri, Mario Coppola, che di intesa con il Tribunale di Napoli, dopo una serie di incontri e di scambio di missive, riusciva a ottenere dal Comune di Capri la disponibilità di dislocare un dipendente municipale presso la sede del tribunale di Capri per consentirne la riapertura, è stata concretizzata anche con una delibera che ne indicava lo specifico nominativo. Un passo avanti decisivo, dunque per la riapertura per la quale si è in attesa di una convenzione tra Comune e Ministero della Giustizia per la formalizzazione delle mansioni che il dipendente comunale distaccato dovrà svolgere presso il locale presidio giudiziario. Ora gli ultimi passaggi e le procedure e poi dovrebbe esserci la riapertura dell’ufficio del giudice di pace di Capri che, dopo la nuova comunicazione del tribunale che ne disponeva il prolungamento della chiusura sino a luglio, con l’ottenimento di quanto avanzato dal presidente dell’associazione avvocati isola di Capri Mario Coppola dell’assegnazione di un dipendente comunale, potrebbe anche riaprire prima di quella data.

L’azione portata avanti dall’associazione avvocati dell’isola di Capri potrebbe consentire a breve il ripristino della sede del giudice di pace presso il tribunale di via Roma,  evitando così all’utenza ed all’intera cittadinanza isolana i disagi vissuti in questi mesi.

Commenti

Translate »