Quantcast

Azzurri minimo sforzo contro il Galles

Roberto Mancini eguaglia il record di 30 gare utili consecutive di Vittorio Pozzo

Redazione – L’Italia compie il minimo sforzo contro il Galles ed entrambe passano agli ottavi di finale.

Roberto Mancini eguaglia il record di 30 gare utili consecutive di Vittorio Pozzo. Il ct opta per un turnover dopo le gare contro la Turchia e la Svizzera, ed i suoi ragazzi non lo deludono contro un avversario che avrebbe bisogno anche solo del pareggio per passare il turno. Ma il Mancio ed i suoi prodi non sono dello stesso avviso, perciò anche se non battono cassa come nelle due gare precedenti, risolvono la pratica di Oltremanica con una rete al volo di Pessina in area su una punizione battuta da Verratti dalla destra.

Non è stato facile penetrare tra le maglie rosse dei gallesi perché oltre che a schierarsi con il 3-4-3 o a volte 3-5-2, erano ben compatti con le linee serrate, ma quando gli azzurri trovavano il varco giusto la difesa gallese soffriva non poco. La squadra del Mancio ci mette circa dieci primi prima di entrare in carburazione, poi dal 13’ prende in mano le redini della gara costruendo sulle corsie laterali buone azioni che portano al 14’ Emerson a concludere dalla trequarti e poi al 16’ Tololi ad innescare una palla deviata involontariamente in area da Belotti che è parata a terra da Ward.

Belotti decentrato al 24’ incrocia ma manda largo. I dragoni quando si distendono sono anche pericolosi con Gunter al 28’ che di testa manda poco oltre il set. Il diagonale di Chiesa al 28’ è deviato in angolo, l’Italia intorno al 30’ spinge per avvivare al vantaggio e ci riesce al 38’ con Pessina che come un falco solitario in area al volo finalizza sul secondo palo la punizione battuta da Verratti dalla destra. Lo stesso Verrati chiude la prima frazione al 41’ con un cross passante e pericoloso in area che viene deviato in angolo.

L’inizio della ripresa vede la prima ammonizione della gara ad Allen al 6’, dopo sessanta secondi il palo colpito da Bernardeschi su punizione da 23 metri. L’errore di Acerbi stava per favorire Ramsey all’8’, ma il gallese tentenna nel concludere e viene neutralizzato. Il Galles resta in dieci al 10’ per il rosso diretto ad Ampadu per un fallo su Bernardeschi. L’Italia ha la possibilità di sfruttare l’uomo in più e per poco non raddoppia al 19’ con Belotti la cui palla è deviata in angolo da Ward con il piede. Passano sessanta secondi e Toloi in tuffo di testa mette largo di due metri. Gli azzurri cercano i raddoppio per chiudere definitivamente la gara, ma per poco non viene impattata al 30’ da Bale che solo in area al volo manda sopra la traversa. La gara si chiude con due finalizzazioni azzurre: 43’ Belotti si gira ma mette la sfera tra le mani di Ward, che poi al 46’ si ripete deviando la palla di Cristante.

Finisce così, l’Italia vince e blinda il primo posto del girone: ora aspetta di scoprire se sarà Ucraina o Austria agli ottavi. A Londra, nello stadio di Wembley si giocherà il 26 giugno alle ore 21.00.

 

ITALIA – GALLES 1-0

Goals: 338’ Pessina.

Italia (4-3-3): Donnarumma (44’st Sirigu); Toloi, Bonucci (1’st Acerbi), Bastoni, Emerson; Pessina (42’st Castrovilli), Jorginho (29’st Cristante), Verratti; Bernardeschi (29’st Raspadori), Belotti, Chiesa.

A disp: Meret, Di Lorenzo, Spinazzola, Locatelli, Insigne, Immobile, Barella. Allen: Mancini.

Galles (3-4-3): Ward; Gunter, Rodon, Ampadu; C. Roberts, Allen (41’st Levitt), Morrell (15’st Moore), N. Williams (41’st B. Davies); Bale (41’st Brooks), Ramsey, James (29’st Wilson).

A disp.: Hennessey, A. Davies, Lockyer, T. Roberts, Norrington-Davies, J. Williams, Mepham.

Allen: Page

Arbitro: Ovidiu Alin Hategan (Romania).

Espulsi: 10′ st Ampadu (G) per fallo su Bernardeschi.

Ammoniti: Pessina (I), Allen, Gunter (G).

Note: serata serena e calda, 30°, erba naturale buona, spettatori 16.000 circa (1000 gallesi circa).

Angoli: 7-1.  Recupero: 0’ pt e 3’st.

 

GiSpa

 

Commenti

Translate »