Quantcast

Vico Equense, il pronto soccorso ancora chiuso: «Uno scandalo»

Più informazioni su

Vico Equense, il pronto soccorso ancora chiuso: «Uno scandalo». A Vico Equense, da diversi mesi, le attività del pronto soccorso sono sospese perché l’Asl Napoli 3 Sud, fu questa la motivazione ufficiale, decise di convogliare le risorse umane nei Covid center della provincia di Napoli e negli altri ospedali, pure quello di Sorrento, in affanno a causa della seconda ondata di contagi.

E’ una querelle irrisolta e che procura forti polemiche pure oggi, alla luce del caos sanità in penisola sorrentina.

Anche perché non va dimenticato che a seguito del progetto dell’ospedale unico di Sant’Agnello, a Vico Equense si teme la chiusura definitiva del presidio cittadino De Luca e Rossano.

A toccare l’argomento è il professore Giovanni Ponti, nativo di Vico Equense e docente della facoltà di Medicina presso l’Università di Modena e Reggio Emilia: «L’esperienza del Covid ci ha dato un grande insegnamento. Abbiamo sempre creduto che il top della sanità fosse in Lombardia. Ebbene, la pandemia ha dimostrato che la Lombardia è l’emblema della distruzione del sistema di medicina territoriale di base e rappresenta il fallimento del diritto alla salute. E’ fondamentale potenziare gli ospedali». Ora che succede? «Nella storia della sanità in penisola – spiega Ponti – riviviamo lo scandalo della sanità nazionale che ci avvicina al modello americano invece che portarci a un modello di diritti, gratuità e servizi. Capita che anche qui si imita il piano che punta a chiudere gli ospedali periferici per fare mega strutture nel centro delle città dove le ambulanze hanno difficoltà ad arrivarci. In nome dell’efficienza si sposta il personale dal presidio di Vico Equense e si inizia a smantellare l’ospedale cittadino. Hanno già chiuso il pronto soccorso e la gente di Vico Equense è costretta a imbarcarsi pure di notte per andare a Nocera Inferiore per avere assistenza. Questo è uno scandalo, è emblematico di dove stiamo andando: una direzione sbagliata».

Sulla stessa lunghezza d’onda, anche il professore Franco Cuomo, già ai vertici della sezione cittadina dei Verdi ambiente e società.

Fonte Metropolis

Più informazioni su

Commenti

Translate »