Quantcast

Tragedia a Capaccio Paestum: scontro frontale tra una moto ed un trattore, perde la vita un 43enne

Più informazioni su

Tragedia a Capaccio Paestum: scontro frontale tra una moto ed un trattore, perde la vita un 43enne. A fornirci tutti i dettagli è Andrea Passaro in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano La Città di Salerno. Scontro frontale tra un Yamaha T Max e un potente trattore: muore il motociclista. A perdere la vita è stato il 43enne Valerio Punzi , originario di Capaccio Paestum ma emigrato da alcuni anni a Brescia. L’uomo è morto sul colpo. L’incidente mortale si è verificato nel tardo pomeriggio di ieri in località Rettifilo. Punzi era conosciuto a Capaccio, luogo che frequentava spesso, essendo la compagna, madre di due bimbi, residente a Fonte di Roccadaspide.

Lanciato l’allarme ai numeri di emergenza 112 e 118, sul posto è giunta tempestivamente un’ambulanza della Croce Rossa del Psaut di piazza Santini, ma i soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo, a causa delle gravi ferite riportate a seguito dello scontro con il robusto mezzo da lavoro agricolo. Sul luogo dell’incidente sono giunti prontamente i carabinieri della locale stazione, diretti dal luogotenente Giuseppe D’Agostino .

Il magistrato di turno alla Procura di Salerno ha disposto l’esame esterno sul corpo del 43enne, che dovrebbe svolgersi nella mattinata di oggi, a cura del medico legale Maria Santa Colucci . Al momento, la salma è stata condotta presso l’obitorio dell’ospedale “Santa Maria della Speranza” di Battipaglia.

Al vaglio dei militari dell’Arma è la dinamica del sinistro per comprendere se ci sono delle responsabilità e di parte di chi. Alla guida del mezzo agricolo, che circolava in strada, era un 31enne di Capaccio. Dallo sviluppo dei rilievi e dalle testimonianze delle persone presenti si riuscirà presto a comprendere cos’è accaduto ieri sulla strada del Rettifilo. Da una prima sommaria ricostruzione sembra che il centauro viaggiasse da Capaccio Paestum in direzione di Roccadaspide. È verosimile che stesse raggiungendo la compagna. Il conducente del trattore, proveniente da una traversa laterale, si è immesso sulla carreggiata principale, nella stessa corsia sulla quale transitava proprio il motociclista, che non è riuscito ad evitare l’impatto, violento secondo le indiscrezioni trapelate da fonti investigative. Sull’asfalto ci sono i segni di una lunga frenata.

La notizia della tragica morte di Punzi ha scosso le comunità di Capaccio Paestum e Roccadaspide dove era conosciuto ed apprezzato. Un’altra vita che si spezza sull’asfalto del Rettifilo, scenario già in passato di altri incidenti mortali. Un’arteria che sebbene sia rettilinea, è tra le più pericolose. L’assenza di curve forse spinge a premere un po’ troppo sull’acceleratore. Il vero pericolo è rappresentato proprio dai vari punti di accesso laterali. E quanto mai necessario studiare degli accorgimenti stradali per rallentare l’andatura su quel tratto viario.

In pochi istanti ieri due vite sono state distrutte: certamente quella della vittima 43enne, ma non potrà darsi pace neppure il 31enne alla guida del trattore. E poi i familiari del motociclista. Davvero un pomeriggio da iscrivere nella “lista nera” che, sul Rettifilo, si allunga di anno in anno, senza trovare un rimedio definitivo.

Più informazioni su

Commenti

Translate »