Quantcast

Priora, bambini senza parco giochi! foto

Sorrento – I bambini di Priora, frazione di Sorrento, non possono usufruire del parco giochi, diamo voce al malessere e al disagio che diverse famiglie del borgo collinare lamentano in questi giorni e lo segnaliamo a maggior ragione perché teniamo, come tutti, al benessere e alla salute dei più piccoli. I giochi all’aria aperta, giovano all’equilibrio psico-fisico del bambino, stimolano la creatività, facilitano la socializzazione e sono anche essenziali per prevenire alcune malattie, come l’obesità infantile. Secondo una ricerca promossa dal World Cancer Research Fund dell’Università di Bristol, svolgere giochi all’aria aperta aiuta i bambini a ridurre lo stress causato dalla routine, allevia tensioni e frustrazioni accumulate durante il giorno, favorendo un migliore riposo durante le ore notturne. La pandemia ha messo a dura prova la tenuta psico fisica di noi adulti, è facile immaginare che sia stato lo stesso se non peggio per i bambini privati oltretutto della scuola in presenza, alle prese con la nuova esperienza della Didattica a distanza non sempre facile da gestire, senza più compagni di studio o di giochi, condannati dunque a una quotidianità di relazioni vissute “da remoto”. Inoltre all’appunto che ci potrebbe essere mosso sulla pericolosità dovuta al contagio da coronavirus, rispondiamo con dati scientifici perché sempre dall‘Università di Bristol, uno dei maggior epidemiologi inglesi, la Prof.ssa Sarah Lewis, afferma: “Sappiamo che la trasmissione all’esterno si verifica molto raramente. Gli unici casi documentati di questo sono avvenuti in spazi all’aperto che includevano un elemento interno. Dunque, in termini di trasmissione virale, è molto sicuro per i bambini giocare insieme fuori. Nei parchi giochi è molto più difficile contrarre il virus poiché qui intervengono tre fattori che aiutano a disperdere il Covid-19 nell’aria e sono: il vento; l’aria fresca e il sole”. La Prof.ssa Sarah Lewis conclude affermando: “Per i bambini, il rischio del virus è molto basso ma, il danno derivante dall’impedire loro di giocare insieme è potenzialmente alto. È essenziale per la loro salute mentale e fisica che i bambini possano giocare insieme*“. Tutto questo per sottolineare quanto sia fondamentale garantire ai bambini la possibilità di usufruire di un parco giochi. Durante la passata tornata elettorale abbiamo spesso sentito parlare di attenzione per il sociale, di priorità per il benessere dei soggetti fragili, di passi in direzione di una città sempre più inclusiva, accessibile e attenta ai bisogni e alle esigenze di cittadini e famiglie. Il Parco giochi di Priora versa in uno stato di abbandono vergognoso, come testimoniano le foto a corredo dell’articolo, ci rifiutiamo anche di accettare la tesi che possa esistere una Sorrento di serie “A”, dove si inaugurano parchi nuovi e una di serie “B”, quella collinare, abbandonata a se stessa. I genitori di Priora, che attendono da settembre che il parco giochi sia riaperto in tutta sicurezza, si rivolgono al loro Primo cittadino, l’Avv. Massimo Coppola, che conoscono come persona attenta a queste problematiche, affinché attivi la macchina amministrativa o acceleri gli iter burocratici per consegnare il prima possibile ai suoi giovani cittadini lo spazio all’aperto che meritano.

Generico maggio 2021

*(Research: Association between living with children and outcomes from covid-19: OpenSAFELY cohort study of 12 million adults in England http://www.bmj.com; Low risk of SARS-CoV-2 transmission by fomites in real-life conditions http://www.thelancet.com/journals)

Commenti

Translate »