Quantcast

Positano, il titolare dell’Incanto risponde alle critiche di una cliente per il costo eccessivo della consumazione

Più informazioni su

Positano. Dopo il polverone alzatosi sui social per lo scontrino da 46 euro pagato all’Incanto da una cliente per aver consumato due caffè, due bottiglietta d’acqua e due coca cola, abbiamo sentito il titolare del locale, Lulù Fiorentino:

«Bastava che la cliente consultasse i menù che abbiamo. Tra l’altro dovrebbe sapere che esiste una differenza tra un bar di una stazione o di Marano. Qui ci si gode la consumazione seduti sulla spiaggia di Positano con un panorama mozzafiato. Inoltre abbiamo la musica dal vivo e quindi è chiaro che non si può pagare una bottiglietta d’acqua od un caffè 1,50 euro. I musicisti vanno pagati, è normale. Questo fa capire lo spessore della gente che c’è in giro.

Ad esempio io sono stato a Firenze con mia moglie ed i miei figli ed in un bar a Piazza della Signoria ho pagato quattro caffè, quattro spremute d’arancia e quattro toast 96 euro».

Più informazioni su

Commenti

Translate »