Quantcast

Novità sulla pensione di luglio, molti pensionati riceveranno un bonus di 655 euro

Come funziona e chi ne ha diritto?

Più informazioni su

I pensionati – come riporta la Fenailp (Federazione Nazionale Autonoma Imprenditori e Liberi Professionisti) – ricevono anticipatamente la pensione pagata presso Poste Italiane per lo stato di emergenza. Anche per il mese di giugno si prevede il pagamento anticipato. Inoltre, grande novità sulla pensione di luglio, molti pensionati riceveranno un bonus di 655 euro per questo incredibile motivo. In effetti, l’assegno della pensione di luglio sarà incorporato da un ulteriore assegno, ma non spetta a tutti i pensionati. Analizziamo chi sono i beneficiari e quanto spetta.

L’assegno pensione di luglio per alcuni pensionati sarà più alto perché percepiranno una mensilità aggiuntiva. Si tratta della quattordicesima mensilità INPS del 2021 che spetta ai pensionati che hanno i seguenti requisiti:

  1. a) un’età di 64 anni;
  2. b) percepire una pensione INPS che non rientri nei trattamenti esclusi;
  3. c) un reddito non superiore a 1,5 volte il trattamento minimo. Nell’anno 2021 il trattamento minimo ammonta a 515,58 euro. In questo caso il bonus di 655 euro spetta per intero.

Inoltre, bisogna chiarire che questo bonus è proporzionato in base al reddito e ai contributi accreditati, e può arrivare fino a 655 euro.

Le soglie di reddito e contributi a cui fare riferimento nel 2021 per ricevere il bonus quattordicesima mensilità sono:

  1. a) 13.909,08 euro di reddito e più di 25 anni di contributi;
  2. b) 13.825,08 euro di reddito e più di 15 anni di contributi ma inferiore a 25 anni;
  3. c) 13.741,08 euro di reddito e fino a 15 anni di contributi.

La quattordicesima in questi casi non supera i 504 euro, ma per coloro che hanno un reddito che non supera 1,5 volte il trattamento minimo può arrivare fino a 655 euro.

Quali sono gli importi della quattordicesima INPS 2021?

L’importo del bonus di 655 euro è proporzionato in base al reddito e ai contributi, e nell’anno 2021 è così articolato:

  1. a) per coloro che hanno maturato 15 anni di contributi se ex dipendenti o 18 anni se ex autonomi, possono ricevere un assegno di 437 euro;
  2. b) chi ha maturato 15 anni di contributi fino ad un massimo di 25 anni se ex dipendenti o 18 anni fino a 28 anni se ex autonomi, può ricevere un assegno di 546 euro;
  3. c) con oltre 25 anni di contributi se ex dipendenti e oltre 28 anni se ex autonomi, si può ricevere un assegno di 655 euro.

Più informazioni su

Commenti

Translate »