Quantcast

La Divina “Covid free”: vaccini pure ai 40enni. Ok alle iniezioni “turistiche” in Costiera

La Divina “Covid free”: vaccini pure ai 40enni. Ok alle iniezioni “turistiche” in Costiera. Ce ne parla Gaetano de Stefano in un articolo dell’edizione odierna del quotidiano La Città di Salerno. La data ufficiale ancora non c’è. Ma, quasi sicuramente, dalla prossima settimana probabilmente dal 20 maggio – in Costiera Amalfitana partiranno le vaccinazioni per il comparto turistico. Il vaccino prescelto è Johnson & Johnson che non ha bisogno del richiamo ed è ottimo per velocizzare i tempi. Le dosi saranno garantire dall’Asl di Salerno che, a quanto pare, dovrebbe destinare, come prima tranche, 19mila vaccini. Che serviranno ad immunizzare non solo gli operatori turistici ma l’intera popolazione della Divina. Nel Salernitano, dunque, partirà il primo esperimento di “immunizzazione di massa”. Mentre in tutta la Regione si prova ad accelerare: già da oggi, infatti, sarà aperta la piattaforma per le adesioni alla vaccinazione dei cittadini della fascia di età fra i 45 e i 49 anni. Per la fascia 40-44 anni, invece, la piattaforma sarà aperta a partire da martedì prossimo.

La maxi-campagna in Costiera. Come spiega il presidente del comparto Turismo e Tempo libero di Confindustria Salerno, Giovannantonio Puopolo, «il turista non ha a che fare soltanto con il personale dell’albergo o del ristorante, ma va dal parrucchiere, dal fioraio, quindi siamo tutti operatori del turismo». Si spera di salvare la stagione balneare e magari di allungarla anche nei mesi autunnali. «Stiamo avvertendo – rivela Puopolo – i maggiori tour operator europei che dal 10 giugno in Costiera Amalfitana saremo tutti vaccinati». Per capire come la Costa d’Amalfi s’avvii ad diventare Covid free e che lo sprint vaccinale riguarderà tutti i cittadini da Vietri (dove ieri è diventato operativo il centro vaccinale per la popolazione) a Positano, basta dare uno sguardo ai moduli di prenotazione già predisposti dai Comuni. In particolare quello messo online dal Comune di Maiori è rivolto a «tutti gli operatori direttamente o indirettamente coinvolti in attività turistiche o comunque a contatto con il pubblico in territorio a spiccata offerta turistica». A titolo d’esempio le categorie coinvolte sono: alberghi pensioni – b& b – casa vacanza – agriturismo – ostelli camping – ristoranti – gastronomie – enoteche – bar – pasticcerie – paninoteche – liquorifici – stabilimenti balneari – taxi – Ncc – noleggiatori mezzi terrestri e marittimi parrucchieri – estetisti – fioristi – agenzie di viaggio – agenzie wedding – negozi alimentari e non alimentari – tabacchi – edicole – operatori dello spettacolo – custodi beni culturali – sacrestani – associazioni culturali dello spettacolo – proloco e uffici turistici di informazione – personale en- ti pubblici – gestori parcheggi aperti al pubblico. Tuttavia, nel caso in cui «l’occupazione non sia presente in elenco – spiega il Comune di Maiori è possibile indicarla compilando il campo altro».

I centri vaccinali attivi. Dunque la Costiera è pronta ad immunizzarsi e la macchina organizzativa s’è messa già in moto per non lasciare nulla al caso e partire immediatamente a tutto gas. Per Positano e Praiano sono previsti, oltre a due sedi fisse, anche hub mobili, mentre la gran parte degli operatori turistici della Divina riceverà il vaccino presso l’ospedale Costa d’Amalfi, che ha ripreso le vaccinazioni nell’ultima settimana. Dal 17 maggio il centro vaccinale drive-through dell’Esercito Italiano, inoltre, dall’area del porto turistico di Maiori si trasferirà alla Casa del Gusto di Tramonti che, in questi anni, nonostante i tanti fondi spesi, è stata raramente utilizzata per promuovere eventi enogastronomici e che, perlomeno, adesso, verrà utilizzata per far fronte all’emergenza sanitaria causata dal Covid.

Commenti

Translate »