Quantcast

Ischia Covid free. Obbiettivo immunità in tre settimane: servono tra le 1.700 e le 1.800 vaccinazioni al giorno

Ischia Covid free. Obbiettivo immunità in tre settimane.: servono tra le 1.700 e le 1.800 vaccinazioni al giorno.

Via alla campagna di vaccinazione di massa, ma non mancano i problemi. Vaccini, caos conteggi e quota 500mila dosi dura solo due giorni

La macchina della vaccinazione prosegue, tra opportunità e disagi, la comunità in cerca del siero, non sempre appare rodata a dovere. Da una parte si è dimostrato che somministrare 500mila vaccini al giorno in Italia è possibile, ma è una dato non duraturo. Infatti quel livello “500mila“ è stato raggiunto e superato il 29 e il 30 aprile, ma in questo  maggio non sarà un facile obbiettivo . Il valore  fissato dal generale Francesco Paolo Figliuolo sarà toccato in singole giornate ma difficilmente nelle medie settimanali e, di sicuro, non si potrà raggiungere nella media del mese.

Intanto è partita anche Ischia Covid free,la campagna di vaccinazione di massa che si pone l’ambizione strade guardo di immunizzare tutti immuni gli isolani in tre settimane. Ischia, l’ultima e la più grande delle perle del golfo, chiuderebbe cosi il cerchio.

Sono stateindicate tra le 1.700 e le 1.800 vaccinazioni al giorno per raggiungere l’obiettivo Ischia «isola Covid free» nel giro di 3 settimane. Sono iniziate questa mattina le operazioni di vaccinazione anti Covid-19 «intensificate» sulla maggiore delle isole napoletane, circa 70mila abitanti divisi in 6 comuni. Di questi, 46mila sono i residenti età «vaccinabile», circa 27mila quelli ancora da vaccinare e sui quali si concentrerà la vaccinazione di massa partita oggi con la convocazione degli over 50.

Completata la categoria, si procederà per fasce d’età decrescenti, così come già fatto nella vicina isola di Procida dove, complici anche le dimensioni ridotte e la popolazione di appena 7mila abitanti, la vaccinazione di massa è stata completata nel giro di 5 giorni. Due gli hub vaccinali attivi, uno nel comune di Ischia e uno dall’altro lato dell’isola, nel comune di Forio: nel primo oggi sono attesi 1.100 convocati, nel secondo 600, per un totale di 1.700 somministrazioni. Mantenendo questo ritmo, ha spiegato ieri la Asl Napoli 2 Nord competente sull’isola, si conta di chiudere la campagna vaccinale «entro la fine di maggio». Fondamentale in tal senso sarà anche l’utilizzo del vaccino monodose Janssen di Johnson & Johnson che permetterà di velocizzare le operazioni.

Anche se ovviamente non mancano i problemi. Molti aderenti non si accontentano del tipo di siero messo a disposizione e spesso rifiutano persuasi di dovere e poter scegliere, in base alla anamnesi personale, certo, altre volte in base alle convinzioni personali, il tipo e la marca del vaccino. Unitamente alla massiccia adesione, anche ad Ischia, come altrove, si registrano defezioni e rifiuti. Una realtà divenuta quasi fisiologica.

Commenti

Translate »