Quantcast

Il Geo – Archeo – Trekking segna la ripartenza della Costiera Amalfitana su Rai Uno

Più informazioni su

Il Geo – Archeo – Trekking segna la ripartenza della Costiera Amalfitana su Rai Uno.

Santanastasio: “Un grazie ad Unomattina che ha raccontato con noi aspetti magari meno noti della Costiera Amalfitana dove c’è tanta archeologia per un turismo all’aria aperta in piena sicurezza.  In queste ore raccontiamo le ripartenze e la rinascenza. Ad esempio in Puglia riaprono i musei di Bisceglie e Nardò. In Campania Sabato con il sindaco di Avellino daremo il via alle prime attività di Archeoclub in Irpinia. Il 29 Maggio a Torre Annunziata riapertura del Museo dell’Identità con i reperti archeologici della Villa di Poppea. Al Nord a Venezia la ripartenza del Lazzaretto. Tutto è in fermento, tutto in evoluzione”.

In Costiera un filo comune tra antiche canalizzazioni – spa romane – sentieri antichi. Ad Avellino, invece, Sabato 15 Maggio alle ore 18 e 30 nella Chiesa di San Francesco d’Assisi, teatro dinanzi al Murale della Pace. Ingresso consentito solo ad autorità e stampa. Diretta sulle pagine social di Archeoclub d’Italia Avellino.

In Puglia aperture dei Musei di Bisceglie e Nardò. A Venezia il Lazaretto, ma musei, siti, sentieri in tutto il Nord Italia e nelle regioni a zona gialla. Il 30 Maggio Press Tour a Ferentino, nel Lazio: il borgo della rinascenza con ben 26 siti archeologici.

“Archeoclub d’Italia racconta la riapertura dei Musei, dei siti archeologici, dei borghi turistici, dei centri storici simbolo della rinascenza. Ripartiamo anche con il lancio dei Geo – Archeo – Trekking in Costiera Amalfitana. Siti in riapertura in tutte le Regioni a zona Gialla. Ad esempio a Torre Annunziata il 29 Maggio riapertura del Museo dell’Identità dove sono custoditi importanti reperti archeologici della Villa di Poppea. In Puglia riapre il Museo Etnografico di Bisceglie con esposizione di attrezzature rare legate ai mestieri scomparsi della civiltà contadina e della gente di mare, ma anche la casa d’altri tempi con arredamenti e oggettistica del ‘700 ed ‘800 o elementi legati alla religiosità popolare, con una raccolta di ex voto per grazie ricevute, santini, lucerne votive e una sezione dedicata a pittori biscegliesi noti a livello mondiale. Al 2° piano vi è la casa d’altri tempi con arredamenti   e oggettistica del 700-800. Il 3° piano è dedicato invece alla religiosità popolare, con una raccolta di ex voto per grazie ricevute, santini, lucerne votive e una sezione dedicata a pittori biscegliesi noti a livello mondiale come Leonardo De Mango, (Bisceglie, 19 febbraio 1843 – Istanbul, 27 genn 1930) attivo tra la seconda metà del XIX secolo e i primi anni del XX. Al Museo della Città e Territorio di Nardò in esposizione reperti di epoca romana rinvenuti sul territorio. A Nardò, in provincia di Lecce, riapre il Museo della Città e Territorio un Museo pet friendly che nasce in seguito al restauro di una parte del Castello Acquaviva-Personè, un tempo adibito a uffici amministrativi. Nel Nord Italia, a Venezia l’isola del Lazzaretto e non solo. Il 30 Maggio Press Tour nel borgo di Ferentino, non distante da Roma”.

Il Geo – Archeo – Trekking su Rai Uno ad Unomattina.

“Ringraziamo Unomattina per la particolare attenzione mostrata – ha continuato Santanastasio – in quanto ha dato la possibilità di raccontare la Costiera Amalfitana senza luoghi comuni, in modo innovativo e cogliendo aspetti originali di questo luogo conosciuto nel Mondo per le sue bellezze naturalistiche, il mare, le baie, le grotte, ma poco per la ricchezza archeologica. Invece in Costiera c’è tanta archeologia e non mancano i siti da visitare nell’ambito di un turismo all’aria aperta che sicuramente caratterizzerà il futuro di questi posti. In Costiera abbiamo la Villa Marittima Romana di Positano, un sito unico, apprezzabile per i meravigliosi affreschi, c’è la Villa Marittima Romana anche a Minori ma lungo le valli fluviali ci sono cartiere, canali antichi ancora usati oggi per i famosi limoni della Costiera. Unomattina ha evidenziato questi aspetti nuovi della Costiera, molto belli e che sicuramente saranno sempre più apprezzati dal turismo internazionale”.

E Sabato 15 Maggio inaugurazione delle attività di Archeoclub d’Italia ad Avellino. Saranno il sindaco di Avellino Gianluca Festa, il Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia, Rosario Santanastasio, il Presidente di Archeoclub d’Italia sede di Avellino, Ilenia Doria , il Coordinatore Archeoclub d’Italia della Campania, Michele Martucci, a dare il via a “Sguardi sulla pace”.  Si ripartirà dal teatro nel cuore della Chiesa di San Francesco d’Assisi con il Murale della Pace accompagnati da monologhi teatrali.

“Alle ore 18 e 30, di Sabato 15 Maggio, daremo il via alle attività di Archeoclub d’Italia sede di Avellino con un evento davvero originale che si svolgerà nella Chiesa di San Framncesco D’Assisi a Borgo Ferrovia, con azioni teatrali accanto ai prestigiosi affreschi. L’evento “Sguardi sulla pace” sarà in presenza solo per le autorità e per la stampa. Un grande evento  – spettacolo – ha dichiarato Ilenia Doria, Presidente Archeoclub d’Italia sede di Avellino – nato in collaborazione con il Teatro d’Europa di Cesinali (Av) e che vedrà la partecipazione del Maestro Ettore De Conciliis. “Sguardi sulla pace” vuol essere non solo un momento inaugurale ma anche foriero di riflessione e speranza; il focus, infatti, è rappresentato dal Murale della Pace, opera realizzata nel 1965 dal pittore avellinese Ettore de Conciliis nella chiesa di San Francesco d’Assisi al Borgo Ferrovia. Sarà lo stesso insigne maestro de Conciliis a raccontare, direttamente dal suggestivo scenario, le emozioni e i sussulti profondi che lo hanno accompagnato durante la realizzazione della monumentale ed evocativa opera. Lo spettacolo, un monologo scritto dall’attrice Angela Caterina, con la regia di Alex Dello Iacono e interpretato da Luigi Frasca, attore, regista e direttore artistico del Teatro d’Europa, avrà come filo conduttore il tema dell’opera e si snoderà lungo un racconto descrittivo e, al contempo, ricco di suggestioni emotive. L’evento verrà trasmesso in diretta facebook e mediante la piattaforma certificata meet, alla quale sarà possibile accedere tramite il link indicato nel programma. L’Archeoclub di Avellino inaugura il suo ciclo di attività proponendosi di dare inizio a un percorso condiviso in cui emerga il senso profondo di una speranza che possa oltrepassare le difficoltà contingenti e nutrirsi ogni giorno di attimi di eternità”.

Teatro –archeologia che con paesaggi naturalistici unici sono invece la sintesi proposta dal Geo – Archeo – Trekking in Costiera Amalfitana.

Il Geo – Archeo – Trekking in Costiera è realtà per un turismo all’aria aperta e in sicurezza che quest’anno spazierà dai Centri Benessere, delle vere SPA romane con la cura del corpo e modalità risalenti all’epoca della Roma antica ai sentieri come quello dei Limoni che consente di partire dalla Collegiata di Maiori, unica nel suo stile, attraversare antiche canalizzazioni entrare nei limoneti circondati dal profumo e dai colori per poi visitare la Villa Marittima Romana di Minori. Dunque insieme: sicurezza, benessere, bellezza, accoglienza, profumi, storia, archeologia.

In Costiera le “pietre” di Roma, ma anche di “epoca araba”, parlano e raccontano.

“In Costiera il Geo – Archeo – Trekking c’è per davvero! L’importanza del Geo – Archeo – Trekking sul Sentiero dei Limoni è nel fatto che le pietre parlano. Chi percorre un sentiero, va in vacanza, dovrebbe far parlare le pietre, conoscerne la storia per poi apprezzare la bellezza. Il Sentiero dei Limoni è l’antica strada percorsa dall’epoca romana da Maiori a Minori e viceversa. Il canale di irrigazione che ha consentito ai Romani già nel primo secolo d.C. di realizzare i giardini contribuendo alla nascita della cultura e della coltivazioni dei limoni in Costiera Amalfitana è possibile vederlo come è possibile vedere il sistema creato dagli arabi. Non solo limoni, o meglio i nostri limoni hanno storia ed una storia importante. Il Geo – Archeo – Trekking lungo il sentiero dei Limoni, propone un’offerta davvero ampia, in quanto venendo da Maiori si parte visitando la Collegiata dedicata a Santa Maria a Mare  – ha affermato Michele Ruocco, ideatore del Sentiero dei Limoni, esponente della ProLoco – con al suo interno un Museo di grande valore, poi proseguendo tra limoneti, numerosi belvedere è possibile ammirare, fotografare, toccare proprio il sistema idrico realizzato dai romani per poi terminare il cammino alla Villa Romana di Minori risalente al primo secolo d.C. ed il tutto avendo la grande opportunità di leggere frasi e poesie su opere maiolicate. Il cammino offre l’opportunità di entrare anche in antichi limoneti”.

E la Costiera Amalfitana punta sulla sicurezza. Prima i tamponi fatti a tutti gli operatori turistici ed ora una campagna vaccinale che corre in una Costiera praticamente Covid Free.

“Gli slogan della Costiera sono chiari: “Sicurezza, sicurezza, sicurezza in tutto”. Una sicurezza che c’è nella ristorazione, nell’accoglienza e in tutti i luoghi e dunque lungo le spiagge, stabilimenti. Una altro slogan importante è: “La Cultura ha bisogno di contagi” e noi vogliamo dare un forte impulso al teatro e all’arte. L’obiettivo è iniziare la stagione in primo luogo all’aperto – ha dichiarato Andrea Reale, sindaco di Minori e delegato alla sanità della Conferenza dei Sindaci della Costiera Amalfitana – e dunque promuovendo e valorizzando i siti archeologici, gli slarghi, le piazze, le location naturali della Costiera Amalfitana”.

Un Geo – Archeo – Trekking nei luoghi di GustaMinori l’evento che ogni anno riparte dal teatro ricostruendo atmosfere uniche e che nel 2021 raggiunge la sua 25esima edizione.

Più informazioni su

Commenti

Translate »