Quantcast

I rossoneri cedono su rigore al Picerno foto

I costieri tremano per l’avvicinarsi della zona play out dopo le vittorie di Fasano, Real Aversa

Potrebbe essere un'immagine raffigurante in piedi, persona che pratica uno sport e attività all'aperto

Sorrento – I costieri cedono su rigore al Picerno.

La squadra rossonera trema per l’avvicinarsi della zona play out dopo le vittorie di Fasano, Real Aversa.

I rossoneri sul proprio campo collezionano l’ennesima sconfitta tra le mura amiche contro un Picerno che sì è attrezzato per il salto di categoria, si è ben districato soprattutto nella ripresa, dove a centrocampo ha quasi dettato legge, costruendo varie azioni, ma nella prima fase, a di fuori del rigore alquanto dubbio avuto, ha dovuto anche subire le buone azioni create e finalizzate dai sorrentini.

In definitiva una prima frazione equilibrata, con più Sorrento ed una seconda che ha visto i lucani di più menare le danze ma nel computo totale hanno ballato poco come finalizzazioni, anche perché la difesa costiera ha sventato anche se in affanno.

La squadra di mister Palo si fa viva con un rasoterra parato da Scarano al 5’, gli risponde su punizione dal limite al 7’ Sandomenico ma al sua conclusione è parata dall’estremo rossoblù. La gara si fa apprezzare per il suo gioco vivo, i picernesi mettono in moto sulle fasce sia Guerra, che in tutta la gara si intrufola bene, e Kosovan, buon il suo efficace apporto. Le emozioni si fanno attendere fino al 20’ quando Sandomenico, non molto supportato, si destreggia in area ma tentenna nel finalizzare, poi lo fa e la sfera gli è ribattuta da un avversario. Masullo tenta la carta vincente ma non lo è perché al 24’ al volo manda alto. Il palo di Esposito al 36’ è il preludio al vantaggio lucano, fino a quel momento non molto meritato, arriva in area un cross dalla destra ed in area Cacace tocca con la mano, l’arbitro Gangi di Enna non esita ad assegnare la massima punizione, dal dischetto Esposito non erra al 37’, spiazzando Scarano. Un’altra gara in salita per i sorrentini. Che non demordono e subito rispondono al 39’ con una punizione dalla sinistra battuta da Sandomenico, la palla colpisce secco il palo e ritorna in campo. A chiudere la prima frazione ci pensa al 45’ la testa di Masullo che impegna, non molto, con una parata alta Giuliani.

La ripresa vede molta mole di gioco, qualche buona azione picernese, ma solo una volta ha avuto una buona ma sfortunata finalizzazione, la traversa piena al 3’ nega la gioia del gol ad Albadoro.

Il Sorrento sembra annebbiato, non riesce a ragionare come vorrebbe, quasi in balia dell’azione dei lucani che restando alti non fanno molto respirare i rossoneri, che a centrocampo non fanno molto filtro, qualche calciatore sembra evanescente, qualcun altro è poco visto, ed il Sorrento prima del 96’ riesce a vedere la porta difesa da Giuliani ed a sfiorare il pareggio. Forcing costiero, che prova più volte a battere a rete nella stessa azione: Sandomenico si ritrova il pallone sulla testa ad un metro, schiaccia ottimamente ma Stasi si rende protagonista di un miracoloso intervento sulla linea salvando il risultato.

Alla fine tanta recriminazione ed ora bisogna preparare la prossima gara, che dovrebbe essere in casa contro il Brindisi, ma i pugliesi hanno saltato la gara contro il Cerignola perché hanno più di 4 calciatori positivi al Covid-19.

 

CAMPIONATO SERIE D 2020/21 – GIORNE H –  29^ GIORNATA – 12^ RITORNO

SORRENTO – AZ PICERNO 0-1

Goal: 37’pt Esposito

SORRENTO (4-3-3): Scarano; Basile, Cacace, Fusco, Masullo; Maranzino  (42’st Marino), Mezavilla (30’st Langella), Camara (42’st Giordano); Cassata (24’st La Monica), Liccardi, Sandomenico.

A disp: Orazzo, Gargiulo, Somma, Vitale, Cesarano.  Allen:  Pino La Scala.

AZ PICERNO (4-2-3-1): Giuliani; Stasi (47’st Tagora), Allegretto, Nossa, Guerra; Dettori, D’Angelo; Kosovan, Konè (41’st Oyewale), Esposito (19’st Finizio); Albadoro (36’st Iadaresta).

A disp. Siani, Caiazza, Carnevale, Santarcangelo, Girasole. Allen: Ciro Ginestra.

Arbitro: Mauro Gangi di Enna.

Assistenti: Mattia Morotti (Bergamo) – Salvatore Nicosia (Saronno).

Ammoniti: pt – 28’ Nossa (AP), 37’ Cacace (S), 39’ D’Angelo (AP), 42’ Masullo (S), 45’ Kosovan AP); st – 35’ Camara (S).

Note: Giornata serena e calda, 25°; erba artificiale buona; spettatori: gara giocata a porte chiuse come da decreto ministeriale per il Covid-19.

Angoli: 2-2.  Recupero: 2’pt e 6’st.

GiSpa

Commenti

Translate »