Quantcast

Giornata Mondiale della libertà di stampa. Perchè oggi?

Più informazioni su

    Positanonews.it, il primo giornale libero e indipendente nato in Costiera amalfitana e Penisola sorrentina online, non poteva non dare spazio a questa importante ricorrenza. Ancora oggi la libertà di stampa è minacciata, non solo dalle dittature, ma anche dalle ristrettezze economiche, dall’informazione “condizionata” dalla pandemia da Coronavirus Covid – 19 , da tante difficoltà. La nostra storia parla per noi, ma non possiamo lamentarci rispetto a situazioni dove i giornalisti vengono arrestati e anche uccisi. Ma perchè oggi si celebra la giornata della libertà di stampa?

    L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 3 maggio Giornata mondiale della libertà di stampa, anche nota semplicemente come Giornata mondiale della stampa, per evidenziare l’importanza della libertà di stampa e ricordare ai governi il loro dovere di sostenere e far rispettare la libertà di parola sancita dall’Articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948 e celebrare l’anniversario della Dichiarazione di Windhoek, un documento sull’importanza fondamentale dei principi in difesa della libertà di stampa, del pluralismo e dell’indipendenza dei media promulgato dai giornalisti africani a Windhoek nel 1991.
    Cominciando nel 1993, le Nazioni Unite hanno iniziato a celebrare la Giornata mondiale della libertà di stampa conferendo dei premi e tenendo conferenze in tutto il mondo.

    Nel 2018, una conferenza promossa dall’Alleanza delle Civiltà delle Nazioni Unite è stata cancellata.[Sempre nel 2018, diverse testate giornalistiche si sono unite in favore di una campagna pubblicitaria, e vennero ricordati i giornalisti uccisi a Kabul. Il portale web di statistica Statista ha elaborato una mappa del livello della libertà di stampa nel mondo sulla base dei dati raccolti dall’ONG Reporter senza frontiere.

    Premi

    L’UNESCO ricorda la Giornata mondiale della libertà di stampa conferendo il premio UNESCO/Guillermo Cano World Press Freedom Prize a individui, organizzazioni o istituzioni che hanno dato un contributo evidente alla difesa e/o al supporto della libertà di stampa ovunque nel mondo, specialmente quando essa è stata ottenuta in una situazione di pericolo. Istituito nel 1997, il premio è assegnato da una giuria indipendente di 14 giornalisti professionisti. I candidati vengono proposti da organizzazioni non governative regionali e internazionali che lavorano in favore della libertà di stampa e dagli stati membri dell’UNESCO.

    Il nome del premio è stato scelto in onore di Guillermo Cano Isaza, un giornalista colombiano che venne ucciso mentre usciva dalla sede del suo giornale a Bogotà, El Espectador, il 17 dicembre 1986, da parte dei potenti baroni della droga della Colombia che erano stati offesi dai suoi articoli. Nel 2000, Cano è stato inserito tra i 50 Eroi della libertà di stampa nel mondo (International Press Institute World Press Freedom Heroes) del XX secolo dell’International Press Institute.

    Conferenze UNESCO
    L’UNESCO celebra ogni anno la Giornata mondiale della libertà di stampa anche riunendo insieme giornalisti professionisti, organizzazione per la libertà di stampa agenzie delle Nazioni Unite per valutare lo stato della libertà di stampa in tutto il mondo e per discutere le possibili soluzioni adottabili nelle sfide del momento. Ogni conferenza è incentrata su un tema relativo alla libertà di stampa, inclusi buona amministrazione, copertura mediatica del terrorismo, impunità e ruolo dei media nei paesi che versano in una situazione post-bellica. Quella che segue è la lista delle conferenze che si sono tenute nel corso degli anni.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »