Quantcast

Fijet Campania ed il turismo: dieci suggerimenti per rimettersi in gioco più forti di prima

Riceviamo e pubblichiamo ringraziando l’esperto di turismo Andrea Manzo, responsabile Fijet Campania, per il prezioso contributo.

La pandemia non ci ha ancora lasciati ma nell’aria ricomincia a circolare un cauto ottimismo. Le riaperture delle attività commerciali sono un primo segnale positivo e l’accelerazione delle vaccinazioni è sicuramente una buona notizia per il ritorno alla normalità. Una normalità che, ovviamente, sarà diversa e dovrà continuare a fare i conti con l’emergenza sanitaria che scandirà tempi e modi. “Di sicuro questa pandemia – afferma Andrea Manzo, responsabile Fijet Campania, Expert in Hotels & Tourism – ha fatto sì che la governance si sia finalmente accorta dell’importanza del turismo nel Bel Paese e l’effettivo valore della ricaduta economica trasversale che è in grado di creare sull’indotto. A loro volta gli operatori del turismo e del commercio si sono resi conto di quanto la competenza delle istituzioni possa influenzare le scelte strategiche nei territori su cui insistono, determinando il presente e il futuro di tutta la filiera dell’accoglienza. I lavoratori del settore, invece, hanno capito che le variabili del mondo dell’ospitalità rendono l’imprenditoria del turismo molto difficile e richiedono molto coraggio, impegno e dedizione continua. Proprio considerando questi nuovi scenari, è arrivato il momento per le imprese di agire per cogliere i segnali di ottimismo e creare fattivamente i presupposti per una nuova ripartenza. A tal proposito ho pensato di dare 10 suggerimenti a tutti gli interessati per essere pronti e rimettersi in gioco più forti di prima:

1) Preparati ad intercettare i flussi commerciali dei livelli pre-pandemici ancora nascosti ed inespressi, (effetto molla);

2) Investi con attenzione sulla presenza e la distribuzione on line;

3) Analizza attentamente la domanda dei tuoi clienti, (momentaneamente diminuita, ma non sparita);

4) Utilizza i vantaggi dello smart working;

5) Diffondi la cultura della cura della persona al tuo team, (sia mentale che fisica);

6) Confrontati tutti i giorni con la tua squadra, (sia in presenza che da remoto);

7) Progetta il futuro, tenendo conto degli scenari in evoluzione del Covid, (prima o poi la pandemia finirà);

8) Mantieni i costi bassi, (mai a discapito del valore del prodotto/servizio);

9) Tieni sempre pronta una exit strategy;

10) Apri la tua azienda solo quando tutto è pronto alla perfezione.

Dieci semplici suggerimenti per essere sempre attenti ai continui cambiamenti perché sicuramente la pandemia ha provocato gravi danni all’imprenditoria, ma ha creato anche gli spazi e i presupposti positivi per il lancio di nuove iniziative. Un esempio lampante è che chiusure e i licenziamenti causati dal Covid 19 hanno indotto ex collaboratori ad avviare attività in proprio e magari diventare consulenti con partita iva. Infatti proprio in caso di necessità è possibile che le persone si trasformino in imprenditori per sostenersi contribuendo ad occupare eventuali spazi che si sono liberati. Così come è evidente che, data la persistenza della pandemia, le prospettive di ripresa nel 2021 dipenderanno in gran parte dalla rapidità con cui verranno distribuiti i vaccini. È importante sottolineare – prosegue Andrea Manzo – che lo sforzo per soddisfare questa urgenza potrebbe rinvigorire le istituzioni e attivare una più forte cooperazione sociale locale, nazionale ed internazionale. Qualunque sia la forma che assumerà sarà necessario un solido multilateralismo sia per combattere il forte aumento della povertà e della disuguaglianza causato dalla pandemia, sia per affrontare le sfide a lungo termine, in particolare la minaccia globale rappresentata dal cambiamento climatico. In questo difficile scenario è necessario, oggi più che mai, che la singola impresa dia il suo piccolo, ma importante contributo. Più saranno le aziende capaci di superare la crisi provocata del Covid 19 e prima e meglio l’Italia ripartirà.

FIJET – Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

FLAI – Free Lance Associazione Italiana

Commenti

Translate »