Quantcast

Collettivo UANM: il vento rende la Costiera Amalfitana una delle terre più fertili in Italia

Riportiamo l’interessante post pubblicato dal Collettivo UANM: «L’Italia è il Paese più biodiverso al mondo. Ma sapevi che il vento è la colonna portante di questa biodiversità? Lo dice anche Oscar Farinetti (fondatore Eataly) nel suo ormai celebre intervento “The answer, my friend, is blowing in the wind”.

Ci sono azioni che noi diamo per scontate ma che hanno un’importanza fondamentale per l’ecosistema: il volo degli uccelli che sfruttano le correnti, l’impollinazione delle piante, la creazione di onde e maree, il trasporto di minerali e nutrienti come fosforo, azoto e ferro, principali responsabili della fertilizzazione dei terreni.

In Costiera Amalfitana possiamo ammirare questi fenomeni meglio che in altri luoghi: è il vento a rendere la Divina, incastonata tra il mare Tirreno e la Catena dei Monti Lattari, una delle terre più fertili e biologicamente diverse del territorio italiano.

A livello globale, poi, le funzioni del vento sono ancora più sorprendenti: sapevi, ad esempio, che il vento collega il deserto del Sahara alla foresta Amazzonica?  Eh già, due realtà tanto lontane e tanto diverse sono in realtà connesse fra loro. Le forti correnti trasportano dal deserto la polvere minerale, ricca soprattutto di fosforo, a migliaia di km di distanza fino ad arrivare in America Latina. Grazie a questo meccanismo si dà nutrimento alla più grande foresta del pianeta. Il vento è dunque elemento naturale fondamentale, ma qual è il suo rapporto con l’uomo? Ne parleremo presto!».

Commenti

Translate »