Quantcast

Battuta d’arresto amara per il Sorrento

Nel derby di Portici piove sui rossoneri che vengo sconfitti nei minuti finali della ripresa dopo aver recuperato per due volte contro i biancazzurri

 

Redazione – Amara battuta d’arresto per il Sorrento contro il Portici.

Nel derby di Portici del 1° maggio, piove sui rossoneri che vengo sconfitti nei minuti finali della ripresa dopo aver recuperato per due volte contro i biancazzurri.

La gara è vivace e combattuta, entrambe la tengono viva con vari e veloci spunti, qualcosa in più da parte dei vesuviani che devono ottenere a tutti i costi i tre punti, ma anche i costieri non tentano di fare il colpaccio, ma soprattutto di uscire dal ‘San Ciro’ con un risultato utile. Le due contendenti danno vita al festival del gol, per due volte in vantaggio i locali e per due volte ripresi, ma poi alla fine a gioire è la squadra porticese che ci crede fino all’ultimo.

Le reti – La gara è sbloccata al 30’ da un colpo di testa di Grieco che viene imbeccato dal cross di Nappo, gli risponde su calcio di rigore Sandomenico al 37’, tiro dagli undici metri per un fallo di mano in area porticese. Portici che ritorna in vantaggio nella ripresa all’8’ anch’esso dal dischetto, Prisco spiazza Scarano, rigore concesso per fallo dell’estremo costiero in mischia su un porticese. Tutto scaturito da un’uscita avventata dello stesso portiere sorrentino. I rossoneri agguantano il pari al 22’ con la testa vincente di Mezavilla sul cross dalla sinistra di Masullo.

Chiude il festival del gol Maione al 41’, con un rasoterra dopo la respinta dell’estremo costiero sul diagonale di Elefante.

La gara – Un incontro sotto una pioggia che benefica il Portici ma è malefica per il Sorrento che da un lato deve recitare qualche mea culpa, anche se ha ben reagito dopo i primi due svantaggi, ma che non è stato molto attento in qualche frangente soprattutto in difesa nel finale di gara e che poi non ha efficacemente contrastato l’avversario in qualche azione.

Da parte sua il Portici ci ha messo cuore ed anima per portare a casa tre punti vitali. Infatti subito si fa vedere al 4’ con Elefante il cui tiro è respinto da Scarano che deve ripetersi con la stessa arma allo stesso attaccante porticese al 10’. Il Sorrento si fa vedere verso la rete difesa da Cappa al 17’ con la sfera mandata alta da Liccardi. I biancazzurri si  portano in vantaggio e poi al 32’ la conclusione di Scala è parata a terra dall’estremo costiero. Arriva il pareggio dei costieri. La gara è viva e combattuta, il Portici non molla ed il Sorrento gli risponde. Chiude la prima frazione la sfera alta di Prisco al 45’.

Ripresa con i costieri che mettono alla corde i locali guadagnando ben quattro angoli consecutivi, ma non cavano il ragno dal buco, invece lo cava il Portici che si riporta in vantaggio, prende coraggio costringendo i rossoneri a non uscire dalla propria metà campo. Arriva il secondo pareggio sorrentino, gara che è sempre vivace, con qualche veloce ripartenza locale ed i sorrentini che tengono botta. Il Portici ci crede fino all’ultimo e ritorna definitivamente in vantaggio. L’ultimo capitolo è l’espulsione diretta al 44’ di Gargiulo Alfonso per aver spintonato un avversario che perdeva tempo.

 

CAMPIONATO SERIE D 2020/21 – GIORNE H –  28^ GIORNATA – 11^ RITORNO

PORTICI – SORRENTO 3-2

Goals: pt – 30’ Grieco P), 37’ Sandomenico (S, rig); st – 8’ Prisco (P, rig), 23’ Mezavilla (S), 41’ Maione (P).

PORTICI (4-3-3): Cappa; Schiavi (31’st Kamana), Arpino, Bisceglia, Vitiello; Nappo, Grieco (31’st Batiomo), Nacci; Scala (39’st D’Acunto), Prisco (39’st Maione), Elefante.

A disp: Spina,  Guiadagni, Del Gaudio, Onda, Conte.  Allen: Carmelo Condemi.

SORRENTO (4-3-3): Scarano; Basile, Cacace, Fusco, Masullo; La Monica (12’st Maranzino), Mezavilla, Camara; Cassata (12’st Mancino), Liccardi, Sandomenico (40’st Gargiulo Alf).

A disp: Oliva, Gargiulo Als, Langella, Vitale, Somma, Marino.  Allen:  Pino La Scala.

Arbitro: Marco Peletti di Crema.

Assistenti: Davide Lanzelloto (Roma 2) – Giuseppe Ladu (Nuoro).

Espulso: 44’st Gargiulo Alf (S) per aver spintonato un avversario.

Ammoniti: Schiavi e Vitiello (P); Cacace e Fusco (S).

Note: Giornata nuvolosa/piovosa, 19’; erba artificiale buona; spettatori: gara a porte chiuse come da decreto ministeriale per il Covid-19.

Angoli: 8-3.  Recupero: 1’pt e 5’st.

GiSpa

Commenti

Translate »