Quantcast

ASL Salerno-Regione Campania: lettera aperta al Presidente Vincenzo De Luca dal Cav. N. H. Attilio De Lisa per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro foto

Più informazioni su

Dal Cav. N. H. don Attilio De Lisa (Sanità Comune di Sanza Presidio Ospedaliero “Dell’Immacolata” ospedale di Sapri con le due vaccinazioni anti coronavirus covid-19 dal mese di gennaio 2021 e negativo a tutti i tamponi effettuati) per la tutela della Salute e Sicurezza sul Lavoro anche in onore del 1 maggio 2021 Festa del Lavoro e dei Lavoratori.
Il Cavaliere al merito della Repubblica Italiana (anche Presidente Sezione di Sanza Associazione Nazionale Combattenti e Reduci Federazione di Salerno che onora sia la Patria con la Bandiera Tricolore A.N.C.R. che il Soldato Fante Milite Ignoto) vuole ricordare fortemente ed onora anche il 28 aprile 2021 di cui L’OIL ha celebrato la Giornata mondiale per la Salute e per la Sicurezza sul lavoro.
Abbiamo tutelato adeguatamente i lavoratori?
Come possiamo proteggere meglio i luoghi di lavoro adesso e in futuro, in caso di nuove crisi globali?
La Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul Lavoro (28 aprile 2021) porta con sé il peso di un’esperienza pandemica senza precedenti che ha avuto un impatto devastante sulla società, sull’economia e sul mondo del lavoro.
L’ASL Salerno: ANCHE DOPO IL VACCINO ANTI CORONAVIRUS COVID-19 CONTINUIAMO A LAVORARE IN SICUREZZA COME CONTINUA NELLA PREVENZIONE ANCHE IL CAV. N. H. DON ATTILIO DE LISA VACCINATO CON LE DUE DOSI e SEMPRE NEGATIVO AI TAMPONI.
Occorre sviluppare la consapevolezza dei rischi e l’attitudine a comportamenti responsabili da parte di tutte le figure in gioco con provvedimenti a chi commette abusi a discapito dei dipendenti che ottengono la loro posizione di merito con spirito di sacrificio legale.
Occorre investire sulla prevenzione, perché il vantaggio è quello di ottenere un risparmio in termini di costi, tempo e possibili problemi futuri. Occorre imparare dagli errori, e non solo dai propri.
Per l’occasione, il Cav. N. H. don Attilio De Lisa dal Comune di Sanza della Diocesi di Teggiano-Policastro in provincia di Salerno Regione Campania ricorda volentieri tale giornata importante per la sicurezza sul lavoro in qualità di dipendente di ruolo all’ospedale di Sapri come C.P.S.Infermiere con limitazioni categoria protetta dal 1995 e con requisiti superiori di Coordinatore Management nelle Organizzazioni Sanitarie dal 2008 oltre nel tempo dopo corsi formativi obbligatori aziendali all’Ospedale di Sapri come Referente del Governo delle Agende,delle Liste di Attesa,del Back-Office CUP-Ticket ed ALPI.
In merito alla sicurezza sul Lavoro sta subendo gravi ingiustizie e tramite sua PEC (Posta Elettronica Certificata) dell’OPI Salerno iscritto all’Albo Salerno in merito alla sua professione, ha messo al corrente il Direttore dott.ssa Maria Grazia Panico di Igiene e Medicina del Lavoro sottolineando la sua posizione locale al Presidio Ospedaliero “Dell’Immacolata” di Sapri dove non è tutelato da 2 anni e mezzo con violazione della Sorveglianza Sanitaria del Medico Competente da parte del datore di lavoro Direttore Sanitario dott. Rocco Mario Calabrese che fa capo anche all’Ospedale Villa Malta Martiri di Sarno indirizzandolo dall’Ufficio gestione delle Attività ambulatoriali della Direzione Sanitaria fruttifero per la Sanità Italiana al Reparto di Chirurgia Generale con il Direttore f.f. dott.Luigi Meucci da lasciarlo solo senza sicurezza sul lavoro e non rispondendo alle sue lettere protocollate da inizio abuso subito quindi da costringerlo per via legale personale con causa di servizio civile al Tribunale di Lagonegro in attesa dal Giudice del Lavoro e in più dopo preavviso per peggioramento delle sue condizioni cliniche costretto alla denuncia penale tramite stazione dei Carabinieri di Sanza alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro.
Come mai questi datori di lavoro direttori sanitari e dirigenti medici sono protetti e continuano a proteggere ai loro posti colleghi infermieri e non che fanno uso illegalmente dei camici medici?
Quindi ricapitolando comunica il peggiorando della sua Salute Fisica e Psichica da Stress con patologia cronica derivata dall’azienda e fino ad oggi dopo comunicazione scritta protocollata alla Stessa nessuna presa di posizione in suo favore per il ripristino immediato come richiesto ne da parte sia da chi ha subito l’ordine diretto e da chi ha il compito di tutelare i dipendenti nei luoghi di lavoro aziendale compreso Sindacato CISL F.P. Funzione Pubblica Salerno iscritto da 18 anni e ne sia dalla Direzione Generale con il Direttore dott. Mario Iervolino insieme a Direzioni Sanitaria con il Sanitario dott. Ferdinando Primiano e Amministrativa con la dott.ssa Caterina Palumbo che dal Direttore Risorse Umane Personale dott. Francesco Avitabile oltre dopo per conoscenza dal Presidente Regione Campania Vincenzo De Luca con Giunta e Consiglio Regionale.
Infine alla base di quanto esposto apertamente e riflessione , mi è emersa una certezza: la sicurezza deve svolgere un ruolo fondamentale nell’ambiente lavorativo come non lo è ed è stato nei miei confronti con indirizzo anche alla Politica e ai Sindacati che continuano a difendere i fannulloni senza requisiti neanche per la posizione che occupano e tenerli ai loro posti oltre sposta con abuso di potere chi come il Sottoscritto è idoneo anche con requisiti superiori lo sposta lasciandolo solo a discapito della sua Salute peggiorata (è necessario un impegno collettivo per essere diffusa ancora di più ma vedo solo scopo affaristico individuale di carriera e non per la colletività come esprime da sempre il Sottoscritto e trova solo difficoltà difronte per invidia).

Più informazioni su

Commenti

Translate »