Quantcast

Aiuti alle famiglie di Vico Equense: contributi fino a 600 euro

Più informazioni su

Aiuti alle famiglie di Vico Equense: contributi fino a 600 euro. I residenti di Vico Equense in difficoltà economica potranno ancora fare domanda per i buoni spesa.

L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Andrea Buonocore lancia un terzo bando per le richieste dei tagliandi da usare per l’acquisto di generi alimentari di prima necessità, resi disponibili grazie allo stanziamento della Protezione civile nazionale, per le famiglie in maggiore difficoltà.

A oggi, i fondi del contributo ministeriale rimasti ammontano a 32mila euro, residuo del primo trasferimento e 168mila assegnati lo scorso dicembre. Si va da un minimo di 200 euro a un massimo di 600 euro a seconda del nucleo familiare: 200 euro per quello monoparentale, 300 euro per nuclei con due componenti, 400 euro per tre componenti, 500 euro per quelli con quattro componenti e 600 euro con cinque o più componenti. L’intervento è da considerarsi una tantum, e il valore nominale di ogni buono è di 10 o 20 euro e potrà essere usato per l’acquisto di generi alimentari e prodotti di prima necessità.

Il contributo non sarà erogato in favore di coloro che siano beneficiari di altre misure di sostegno pubblico per sé e per gli altri componenti del nucleo familiare o che abbiano già usufruito dei ticket pasquali, in tale caso il contributo verrà erogato con detrazione della somma già percepita.

La richiesta di accesso al beneficio deve essere redatta esclusivamente secondo la modulistica reperibile sul sito istituzionale del comune di Vico Equense www.comunevicoequense. it e si può presentare a decorrere da lunedì e fino all’1 1 giugno. L’istanza compilata dettagliatamente in ogni sua parte, debitamente sottoscritta, corredata dalla copia del documento di identità del dichiarante in corso di validità, può essere inviata mediante posta elettronica all’ufficio protocollo oppure consegnata a mano dalle 10 alle 13 dal lunedì al venerdì all’ufficio politiche sociali del Comune.

Fonte Metropolis

Più informazioni su

Commenti

Translate »