Quantcast

Torre Annunziata, la figlia di Maurizio Cerrato: “Mio padre è morto per difendermi”

Più informazioni su

Torre Annunziata, la figlia di Maurizio Cerrato: “Mio padre è morto per difendermi”

Ci tengo a precisare che non è corretto dire che mio padre è morto in una lite, a mio padre è stato fatto un agguato in piena regola, solo per difendere me, che ero la luce dei suoi occhi

Lo ha scritto su Facebook, Maria Adriana Cerrato, figlia di Maurizio Cerrato, 61enne ucciso ieri sera intorno alle 22.30, a Torre Annunziata nel piazzale dell’area di un parcheggio privato in via IV Novembre, aggredito con una coltellata al torace e con un compressore. Sull’uccisione dell’uomo, incensurato, stanno indagando i carabinieri. “Mio padre – dichiara ancora la figlia – è stato pugnalato e con questa gente non aveva mai avuto a che fare”.

E ora portalo all’ospedale”. Questa la frase che le hanno urlato dopo aver sferrato una coltellata a suo padre diretta al petto. L’uomo era già a terra per aver ricevuto un colpo alla testa con un compressore portatile. L’ultima ingiuria, prima di scappare di corsa e far perdere le tracce. Una aggressione brutale avvenuta in un parcheggio pubblico di Torre Annunziata, ieri sera dopo le 21.

Muore poco dopo l’arrivo all’ospedale di Castellammare di Stabia, il San Leonardo intorno alle 22 di ieri sera.  Maurizio Cerrato, 61 anni, era dipendente del parco archeologico di Pompei.

Più informazioni su

Commenti

Translate »