Quantcast

Penisola sorrentina, negozi in crisi: cambio di codici Ateco per riaprire durante il lockdown

La crisi da covid-19 ha inevitabilmente piegato in due qualsiasi settore dell’economia italiana. In penisola sorrentina e costiera amalfitana a soffrire più di tutti sono stati i lavoratori del turismo, ma non solo. In particolare nella costa di Sorrento si è riscontrato un aumento impressionante di richieste di variazione e aggiornamento dei codici ateco.

Molte aziende, in concomitanza con le misure governative a contrasto della diffusione della pandemia che disponevano la sospensione di determinate attività.

Una tendenza nazionale, intercettata da un’analisi della Banca d’Italia. Di fatto diverse attività sarebbero passate da “non essenziali” a “essenziali”, con l’obiettivo di continuare ad operare, pur a fronte delle restrizioni stabilite dai vari dpcm.

Cos’è il codice Ateco?

Il codice Ateco è una combinazione alfanumerica che identifica una ATtività ECOnomica. Le lettere individuano il macro-settore economico mentre i numeri (da due fino a sei cifre) rappresentano, con diversi gradi di dettaglio, le specifiche articolazioni e sottocategorie dei settori stessi. Dal 1° gennaio 2008 è in vigore la nuova classificazione Ateco 2007, approvata dall’ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica) in stretta collaborazione con l’Agenzia delle Entrate, le Camere di Commercio ed altri Enti, Ministeri ed associazioni imprenditoriali interessate. Con i codici Ateco 2007, viene pertanto adottata la stessa classificazione delle attività economiche per fini statistici, fiscali e contributivi, in un processo di semplificazione delle informazioni gestite dalle pubbliche amministrazioni ed istituzioni.

Commenti

Translate »