Quantcast

Minori, banchetto sul lungomare. L’amministrazione comunale: “Le regole vanno rispettate”

Più informazioni su

Minori, banchetto sul lungomare. L’amministrazione comunale: “Le regole vanno rispettate”. Non va bene, non ci si comporta così. Non si va a sobillare le forze dell’ordine, le istituzioni e la cittadinanza pur di inscenare una comparsata televisiva. Non si dileggia e insulta un sindaco perché cerca di ristabilire le regole. Non si allestiscono offensive provocazioni ai danni di chi ha parenti in ospedale, o si è ammalato, o ha perduto persone care. Non si alimenta la reazione di chi soffre per mettere in scena una chiassata. Non si fa, a prescindere dai motivi per cui lo si fa. E’ questo il paradosso: le ragioni dei presunti “dimostranti”, spiattellate in toni da cabaret, svilite a canovaccio da avanspettacolo, perdono di serietà, di ragionevolezza, e quindi anche di peso. Magari sono ragioni apprezzabili, magari se si discutesse seriamente potrebbero essere capite e condivise. Invece così tutto è mortificato entro il recinto emozionale dello show: arroganza, urla e strepiti che amplificano l’audience (“riprendi, riprendi tutto, a quante visualizzazioni siamo…?”), ma che non aggiungono nulla alle ragioni di nessuno. L’epidemia richiede regole che, giuste o sbagliate che siano, vanno innanzitutto rispettate per eventualmente essere messe in discussione; la trasgressione fine a se stessa potrà ottenere 10 milioni di like, ma leva spazio alla riflessione e alla partecipazione responsabile.

La Costa d’Amalfi si è distinta sino ad oggi per impegno e responsabilità da parte di tutti, sono state prese decisioni anche pesanti, e di certo non a cuor leggero: è ingiusto mortificare l’angoscia di cittadini quasi reclusi, il lavoro dei sanitari contro la malattia, l’impegno delle amministrazioni per assistere chi è in difficoltà. Insomma, si fa di tutto per tornare alla normalità, ma sarà una normalità stabile solo se improntata al rispetto delle norme di sicurezza, violarle è un azzardo senza senso. Riaprire tutto al più presto è quel che ognuno si augura, ma scelte affrettate comprometterebbero gli sforzi fatti sin qui. Anche agli “ospiti” che hanno invaso il lungomare di Minori suggeriamo di praticare il dialogo più che la bravata, la pazienza più che la provocazione, come fanno tanti altri per contribuire all’uscita dalla crisi.

Minori, banchetto sul lungomare. L'amministrazione comunale: "Le regole vanno rispettate"

Più informazioni su

Commenti

Translate »