Quantcast

Maiori, la riflessione di Russomando: “Dove sono gli elettori di De Luca? Quanti hanno protestato contro il depuratore?”

Ma la costiera amalfitana è “commissariata”? E dove sono i 2564 elettori che a Maiori alle ultime elezioni regionali hanno votato De Luca? E quanti di questi domenica scorsa hanno protestato per il No al depuratore? – con queste parole, l’ex assessore al comune di Maiori Gerardo Russomando apre ad uno spunto di riflessione, tirando ancora in ballo la vicenda depuratore.

Intanto “Ecostiera” scrive: lascia ancora parecchi interrogativi senza risposta il balletto inscenato nei comuni dell’area Dragone (AtraniScalaRavello) intorno al progetto esecutivo di un depuratore consortile a Conca dei Marini, dove è già stato scavato un tunnel in roccia a punta Trasita. Il caso è stato sollevato proprio da E’ costiera il 9 aprile, con un articolo dal titolo inequivocabile “Maiori, sul depuratore ora pesa il giallo della montagna già bucata a Conca dei Marini“. Eppure, dopo quasi una settimana, c’è il silenzio di chi avrebbe dovuto fare chiarezza su alcune questioni sollevate. Perché si è abbandonato questo progetto per spostare tutto a Maiori? Come è stato possibile “abbandonare” un lavoro già in corso e finanziato? E quale procedura amministrativa è stata seguita per questo repentino dietrofront? A questo punto occorre forse riavvolgere un po’ il nastro degli eventi, se si vuole risalire al possibile “regista” di una scelta che sta portando i maioresi in piazza.

Commenti

Translate »