Quantcast

In vista dell’estate si pensa ad un pass vaccinale anche per Positano

L’estate si avvicina e con essa anche il problema del rilancio del settore turistico. Al momento non ci sono date certe sull’apertura dei confini regionali e, soprattutto, nazionali. Sicuramente fermo il turismo americano, una delle maggiori fonti di economia per la costiera amalfitana e si punta su un turismo di prossimità.

Ma ovviamente occorre coniugare il tutto con il tema della sicurezza dato che, al momento, l’emergenza sanitaria è alta ed il numero dei contagi continua a destare preoccupazione e risulta quindi fondamentale garantire la sicurezza dei residenti per non vanificare i sacrifici affrontati negli ultimi mesi.

Potrebbe essere presa in considerazione anche a Positano l’ipotesi di un pass vaccinale che certifichi la negatività di un soggetto e che permetta quindi a chi è stato già sottoposto al vaccino di muoversi con maggiore libertà, seppur continuando a rispettare le regole anti-Covid. L’idea – al vaglio del Governo – è quella di creare un Qr code, ossia un codice a barre univoco che consenta alle autorità di accertare che il soggetto possessore sia stato vaccinato, si sia negativizzato dopo aver contratto il Covid-19 oppure abbia effettuato un tampone nell’arco delle 72 oppure 48 ore precedenti. 

In pratica un documento digitale che non solo permetterebbe maggiori spostamenti ma anche la possibilità di accedere a ristoranti, palestre, stadi, musei e luoghi di ritrovo.

Al momento si tratta ovviamente solo di un’ipotesi che potrebbe però permettere un rilancio socio-economico della città di Positano grazie alla presenza dei turisti.

Commenti

Translate »