Quantcast

Cava de’ Tirreni/Vietri sul Mare: Avvocatella ancora chiusa, Italo Cirielli presenterà una interrogazione consiliare

Cava de’ Tirreni/Vietri sul Mare: Avvocatella ancora chiusa, Italo Cirielli presenterà una interrogazione consiliare. Era prevista nella giornata lunedì 26 aprile 2021 la consegna dei cantieri e la riapertura al transito della strada provinciale 75, tra la località Avvocatella e San Cesareo di Cava de’ Tirreni e la frazione Dragonea di Vietri Sul Mare, ormai off-limits da otto mesi, ma la Provincia ha prorogato i lavori a data da destinarsi.

Dopo l’ennesimo rinvio, infatti, i cittadini stavolta sono pronti a scendere in strada. Soprattutto considerando che già prima di Pasqua le comunità della zona si stavano organizzando per mettere in atto un’azione di protesta pacifica per sollecitare l’avvio dei cantieri.

Poco fa, un comunicato stampa del consigliere comunale di Cava de’ Tirreni per Fratelli d’Italia, Italo Cirielli, che rende nota un’interrogazione consiliare in merito alla questione, per avere chiarimenti.

Già in passato Cirielli, unico consigliere a parlare della vicenda, si è occupato di quello che è ormai diventato “l’affaire Avvocatella”.

“E’ vergognoso l’ennesimo slittamento della riapertura al transito della SP75, la strada provinciale che collega San Cesareo di Cava de’ Tirreni alla frazione Dragonea di Vietri sul Mare. Ormai siamo alla farsa” – scrive Cirielli- non ci sono più scuse: sono passati ben otto mesi e, dopo essersi rimbalzati la responsabilità su chi dovesse intimare al proprietario privato del costone di procedere con i lavori di messa in sicurezza, ancora oggi Comune di Cava e Provincia di Salerno non sono in grado di riaprire la strada. La Provincia, in particolare, aveva promesso ai cittadini che i lavori sarebbero terminati entro e non oltre il 26 aprile, dopo un primo rinvio di dieci giorni”.

“Siamo di fronte, quindi, all’ennesima presa in giro targata Pd – tuona Cirielli – Come Fratelli d’Italia presenteremo un’interrogazione all’Amministrazione comunale e alla Provincia per conoscere le reali motivazioni di questo ritardo, che sta continuando a provocare disagi alla circolazione veicolare e danni economici, commerciali, affettivi/familiari a residenti e commercianti”.

Commenti

Translate »