Quantcast

Castellammare di Stabia, progetto “Beni confiscati”

Più informazioni su

Castellammare di Stabia
BENI CONFISCATI:
SELEZIONATO DALLA PREFETTURA TRA I PROGETTI MERITEVOLI SOTTO IL PROFILO SOCIALE E CULTURALE

➡ Il progetto presentato dalla amministrazione del Sindaco Gaetano Cimmino , per il riuso di un bene confiscato a Santa Caterina, nel cuore del centro storico, è stato incluso dalla Prefettura di Napoli tra i 15 progetti pilota selezionati in tutta l’area metropolitana, al fine di sperimentare un modello di cofinanziamento pubblico-privato, nel presupposto dell’interesse comune alla lotta contro il crimine organizzato e al miglioramento delle condizioni generali di qualità della vita sul territorio, attraverso l’utilizzo del patrimonio di beni sottratti alle mafie.

➡ L iniziativa coinvolgerà i “careleavers”, ossia i neomaggiorenni che, dopo un periodo di accoglienza presso comunità educative per minori, non possono reinserirsi nelle loro famiglie di origine, perché non idonee a permettere loto di acquisire le autonomie personali e professionali per diventare adulti. Per tutti loro è prevista l’opportunità di seguire un proficuo percorso educativo e culturale, in cooperazione con Asl, scuole, servizi sociali, enti di formazione professionale e associazioni del territorio.

👫 Al progetto la Prefettura ha attribuito la priorità come iniziativa particolarmente significativa sotto il profilo culturale, sociale, artistico, storico e archeologico. La sua realizzazione all’interno di un bene confiscato rende questo progetto sperimentale emblema di legalità e di riscatto per una comunità che trae vantaggio, in termini di miglioramento della qualità di vita, proprio da un bene sottratto alla camorra.

Più informazioni su

Commenti

Translate »