Quantcast

Capri. Ragazze straniere in piazzetta, fermate, trattenute e multate. Silvio Staiano: “Come distruggere il turismo”

Capri ( Napoli ) . Una riflessione dell’imprenditore Silvio Staiano, CEO di Capri Watch, che non possiamo non condividere noi di Positanonews , sinceramente, e questo lo diciamo noi, questo tipo di interventi si dovrebbero fare con spacciatori o ladri, non con queste persone che portano invece economia e turismo che fra 12 ore , visto che la Campania è zona gialla, sarà perfettamente legale, anzi dovrebbe esserlo già da ieri, per convenzione il Governo Draghi ha deciso di far partire tutto il lunedì. Folle , irrazionale e, secondo  noi, anche illegale.

Come distruggere il mito di Capri, come distruggere il Turismo e l’Economia locale.

Mi hanno riferito che c’erano delle ragazze straniere, delle turiste (?) che avvistate in piazzetta sono state immediatamente fermate e poi trattenute per oltre un’ora (forse per più di un’ora e mezza) e dopo i controlli di rito si son viste infliggere, ognuna di loro, una bella multa da un milione di lire circa!
La domanda è: ma some ci sono arrivate a Capri, con la navicella spaziale?
Perchè mai proprio noi a Capri dobbiamo sanzionare chi, per arrivarci, avrà dovuto superare numerose aree di controllo che se funzionanti non avrebbero consentito il loro arrivo sull’Isola?
Pertanto, se proprio devono essere applicate queste “opinabili” norme restrittive perchè le sanzioni non le fanno al Porto di Napoli, alla Stazione di Napoli o di Roma Termini o all’aeroporto?
Insomma, noi a Capri tutto dovremmo fare tranne che la parte dei “cattivi” o colmare le lacune degli altri hub e snodi privi dei dovuti controlli.

Di nuovo buona domenica a tutti.

Teniamo a precisare che nel post e nel nostro articolo non si contesta l’operato delle forze dell’ordine , ma le norme in quanto tali e anche la circostanza che queste turiste erano arrivate qui, come e chi le ha fatte arrivare?

Come sono andate le cose

Gli agenti della squadra volante del commissariato di Capri alla richiesta dei documenti e dell’autocertificazione hanno scoperto che le ragazze erano sbarcate da poco a Capri con un traghetto di linea, ignorando che fosse vietato lo spostamento tra comuni differenti. Quindi, la loro presenza sull’isola era in contrasto con la normativa vigente anti Covid. Purtroppo per loro è scattata la sanzione. Davvero una beffa per le giovani turiste straniere: sarebbe stato sufficiente attendere appena un giorno, ovvero il passaggio della Campania in fascia gialla, per evitare la multa.
A prescindere dai colori, comunque, i controlli proseguiranno. A partire da domani vanno “intensificate le attività di controllo” e, in particolare, è necessario organizzare i servizi “graduandoli in ragione della classificazione ‘a rischio’ delle aree e delle conseguenti misure prescrittive cui le stesse sono sottoposte”. E’ quanto ha raccomandato il capo della Polizia Lamberto Giannini nella circolare inviata a tutti i questori che accompagna quella del capo di gabinetto del ministero dell’Interno. Insomma, anche con il passaggio in area gialla i controlli continueranno seppur in maniera meno incisiva rispetto alle aree a zona rossa o arancione.

Commenti

Translate »