Quantcast

Amalfi, arriva De Luca per la riapertura della Statale: in corso la cerimonia ufficiale segui la diretta

Più informazioni su

Amalfi, arriva De Luca per la riapertura della Statale: in corso la cerimonia ufficiale. Domenica 25 aprile era la data indicata come quella in cui la strada statale 163 sarebbe stata riaperta. Ma i lavori  per l’ultimazione del tratto di strada che collega Amalfi con Positano sono stati effettuati in maniera alacre e, dunque, l’apertura è stata anticipata ad oggi, sabato 24. Incessante l’impegno per ripristinare la zona colpita dalla frana dello scorso 2 febbraio. Del resto, il primo cittadino di Amalfi, Daniele Milano, che sta seguendo da vicino e con grande attenzione tutti gli aspetti della vicenda, aveva promesso non avrebbero perso un solo minuto.

Questa mattina, è giunto sul posto anche il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, per la cerimonia ufficiale di riapertura.

“È una bella giornata per la Costiera Amalfitana e per tutta la Campania: a meno di tre mesi dalla frana che ha bloccato il collegamento, riapriamo oggi la SS 163. Lavori eseguiti a tempo di record grazie a un modello di gestione dell’intero intervento attivato dalla Regione Campania ed eseguito dall’Anas”, ha scritto il governatore sulla sua pagina Facebook.

Foto di Giuseppe Di Martino.

Al contempo, continua la protesta dei lavoratori stagionali, presenti questa mattina alla cerimonia di riapertura in abiti neri. “La nostra economia è morta. Di prenotazioni nemmeno il miraggio, mentre gli USA raccomandano ai loro connazionali di non viaggiare in Italia, sia per il rischio da covid19, ma soprattutto perché da noi vige il coprifuoco. Chi mai sceglierebbe il nostro Paese, come luogo delle proprie vacanze, sapendo di dovere ritornare al proprio albergo alle ore 22 o alle 23?”

“Si metta da parte, definitamente, il coprifuoco, ed autorizzare la somministrazione anche all’interno dei ristoranti al chiuso nel pieno rispetto delle norme anticovid. Si acceleri per i dovuti ristori a tutte le categorie del commercio, del turismo e dei servizi”, chiedono.

Più informazioni su

Commenti

Translate »