Quantcast

Vico Equense, i chiarimenti del sindaco Buonocore sui vaccini agli over80 segui la diretta

Vico Equense. Il sindaco Andrea Buonocore, nella sua consueta diretta del giovedì, esprime la propria gioia per l’apertura del centro vaccinale in città perché l’inizio delle vaccinazioni ci fa intravedere la luce in fondo al tunnel. Il primo cittadino chiarisce che gli ultraottantenni a Vico Equense sono 1.298 ed alle 14.00 di ieri (ora in cui è partita la campagna vaccinale) se ne sono prenotati 715. Ma il dato su cui riflettere è che 298 di questi 715 anziani hanno chiesto la vaccinazione a domicilio. In ospedale i vaccini vengono fatti dai medici di base, a seguito di una convenzione con l’Asl, mentre quelli a domicilio verranno eseguiti dall’Usca del dott. Coppola. L’Usca al momento è impegnata nei vaccini al personale scolastico e, quindi, i vaccini a domicilio per gli over80 inizieranno non prima del 15 marzo. Quindi si consiglia a chi ha fatto la domanda per il vaccino domiciliare, se non si trova in gravi condizioni, di recarsi all’ospedale di Vico Equense lasciando il vaccino a domicilio solo agli anziani allettati o in condizioni critiche.

A Vico verranno somministrati ogni giorno 60 vaccini. Questo perché ogni fiala contiene 6 dosi e quindi i prenotati devono essere in un numero multiplo di 6 in modo da ottimizzare le dosi. Non si può aprire una fiala se non sono presenti 6 persone da vaccinare. Se qualche anziano che ha già effettuato la prenotazione dovesse per qualche motivo trovarsi impossibilitato ad essere presente alla data stabilita, l’invito è quello di comunicare quanto prima, tramite mail a relazionipubbliche@aslnapoli3sud.it, la propria indisponibilità lasciando il posto a qualche altro anziano.

Ovviamente è importante rispettare l’orario dell’appuntamento, vestirsi in modo comodo sapendo di dover esporre il braccio sinistro o destro e portare con sé una penna da utilizzare per apporre eventuali firme.

Commenti

Translate »