Quantcast

Sorrento. 14 marzo GIORNATA MONDIALE DEL PAESAGGIO foto

Il nostro paesaggio è un paesaggio culturale, cioè un paesaggio nel quale i dati naturali, la conformazione fisica, l’idrografia, la flora entrano continuamente in rapporto con l’opera dell’uomo, e così si caricano di memorie e significati. […]

Generico marzo 2021

Il paesaggio è storico anche perché è sempre visto attraverso gli occhi dell’osservatore, che non sono mai innocenti ma condizionati da un gusto, una poetica, un’idea di ciò che il paesaggio deve essere, che porta letteralmente a non vedere alcune cose a beneficio di altre.

“Paesaggio” designa una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni.

Esso è componente essenziale del contesto di vita delle popolazioni, espressione della diversità del loro comune patrimonio culturale e naturale e fondamento della loro identità.

Per paesaggio si intende il territorio espressivo di identità, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali, umani e dalle loro interrelazioni. Il Codice tutela il paesaggio relativamente a quegli aspetti e caratteri che costituiscono rappresentazione materiale e visibile dell’identità nazionale, in quanto espressione di valori culturali.

RISORSE PAESAGGISTICHE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLA
PENISOLA SORRENTINA
Stefania Palmentieri1

L’immagine prevalente della Penisola Sorrentina che ci è stata tramandata nei secoli nelle opere dei numerosi intellettuali, scrittori e artisti che in ogni epoca vi hanno soggiornato, è quella di un’area particolarmente “attraente” sia per le sue indiscutibili bellezze naturali, che per il gran numero di emergenze culturali, storiche e artistiche che hanno costituito da sempre il punto di forza dell’identità locale. Il paesaggio sorrentino si presenta come un sistema estremamente complesso, segnato dalla stratificazione storica delle trasformazioni sociali ed economiche indotte dai diversi processi di territorializzazione Già nel 1794 Giuseppe Maria Galanti scriveva “I poeti antichi ebbero ragione di dire ch’era questo il soggiorno delle incantatrici sirene…”. Una nota interessante, che apre la strada alla nostra analisi del paesaggio sorrentino, è quella di Giotto Dainelli (1930) che nella Guida della escursione alla Penisola

1 Università degli Studi di Napoli Federico II, DADAT sez. di Geografia

Sorrentina scritta in occasione dell’ XI Congresso Geografico Italiano, fa una comparazione tra paesaggio rurale e paesaggio urbano, tra giardini di agrumi e centri abitati, cogliendo quello che tutt’oggi costituisce, secondo E. Manzi (2001b), il tratto più originale del paesaggio sorrentino: l’agrumeto compenetrato nel tessuto urbano, classica manifestazione della complessità del paesaggio mediterraneo. Più in particolare, la complessità del paesaggio sorrentino si fissa e si consolida tra Otto e Novecento: un “paesaggio di mare” e “di terra” al tempo stesso, in cui le produzioni agricole sono funzionali al traffico marittimo che a sua volta dona a molte di esse la possibilità di ampliarsi: le attività mercantili, marinare e pescherecce sono infatti agevolate dalla vicinanza a Napoli che ha sempre costituito un grande mercato di assorbimento dei prodotti sorrentini (frutta, olio, vini, latticini) e ha fornito i capitali per le trasformazioni agrarie, per i nuovi indirizzi colturali, e la diffusione dei modelli urbani. (Ruocco 1982) Tra questi, purtroppo, rientra anche la speculazione edilizia degli anni Sessanta e Settanta, che ha portato alla costruzione della maggior parte delle residenze secondarie, indice di un tipo di turismo “stanziale”, per lo più napoletano. Questo fenomeno ha condotto alla profonda trasformazione del paesaggio costiero con la formazione di una vera e propria “conurbazione” tra i comuni di Meta, S. Agnello e Sorrento. In seguito a questo fenomeno, anche il paesaggio agrario circostante ha perso la sua armonia e quella che alcuni chiamano scapediversity indice di sostenibilità e di vitalità nel rapporto uomo-ambiente naturale. (Manzi 2000, 2001b) D’altro canto il paesaggio è fatto di componenti macroregionali e microregionali, comprensibili sistemicamente ma anche a scale diverse. Quando consideriamo i centri storici minori di grande fama come Sorrento e altri meno noti, ma di pari cultura territoriale e interesse paesistico come Massa Lubrense, ci accorgiamo che elementi “minori” del paesaggio possono apparire importanti, acquisendo oggi valori non nuovi ma di maggiore spessore per la loro crescente rarità e per la loro valenza identitaria e dunque culturale. L’agrumeto urbano e periurbano sorrentino si presta in tal senso come caso esemplare di paesaggio culturale; ad esso è strettamente connessa la casa rurale della penisola che, come nota Mario Fondi (1991), rappresenta una delle principali testimonianze dell’antica civiltà contadina di quest’area. Domenico Ruocco (1951), inquadra la dimora rurale della Penisola Sorrentina nel contesto tipico delle contrade mediterranee. dove la coltura degli agrumi –trasformata da promiscua a speci alizzata- si era, sin dai tempi più antichi, già estesa a spese dell’oliveto e del vigneto, su ben visibili terrazzamenti. Ancora oggi le case sparse o raggruppate in Risorse paesaggistiche per lo sviluppo sostenibile della penisola sorrentina 183 piccoli nuclei sono numerose, mentre i centri abitati di maggior rilievo si trovano ai confini delle aree più intensamente coltivate. Il frazionamento fondiario e colturale alquanto accentuato, la forma quadrangolare e la ridotta dimensione dei campi sono altri tratti tipici di questo paesaggio. Oggi è scomparsa l’antica sovrapposizione a più livelli delle colture -prodotti orticoli e colture erbacee, legumi, vigneti, alberi da fruttoche per secoli ha costituito il tratto caratterizzante dell’assetto agricolo policolturale. (Fondi, 1991). Poiché tanto l’insediamento quanto le col ture dipendono anche dalla morfologia del terreno, è necessario operare nella Penisola Sorrentina una distinzione in tre aree: la bassa collina, la collina vera e propria e la conca di Agerola. La prima comprende le terrazze del versante settentrionale e la fascia di collina a lieve pendio che si estende in media fino all’altitudine di 200 m. Qui, come in quasi tutte le aree pianeggianti, le coltivazioni sono costituite quasi esclusivamente da agrumi; le colture della vite, dell’olivo e degli agrumi predominano invece nella fascia collinare intorno ai 200m, su fondi che si estendono in buona parte su lieve pendio, mentre. sulle pendici ripide e più aride del versante meridionale, che si affaccia sul golfo di Salerno, predominano ad altitudini elevate l’olivo e la vite; gli agrumi invece appaiono sparsi in piccole gole

, valli e terrazze di breve estensione, ma dove più ampie sono le possibilità di

irrigazione.

Anche l’insediamento, come la distribuzione delle colture, dipende dalle

condizioni storiche o naturali che hanno spinto l’uomo a cercare una sede per le sue

dimore. Secondo un fenomeno comune a gran parte del Mezzogiorno, laddove la

morfologia si presenta piuttosto accidentata, come nel caso del versante meridionale

della Penisola Sorrentina, la popolazione accentrata è più numerosa di quella sparsa.

D’altro canto, la morfologia impervia ed aspra, allungando troppo le distanze tra le

case sparse, le ha rese, sin dai tempi più remoti, troppo isolate e malsicure. La

popolazione sparsa è infatti distribuita non lontano dalle principali vie di

comunicazione, tra i singoli centri di origine medioevale, nati dalla necessità di difesa

contro le incursioni piratesche che obbligarono le popolazioni a riunirsi in piccoli

aggregati, in genere intorno a una torre di vedetta da dove si potesse tener d’occhio le

coste, o intorno ad un castello che potesse servire da riparo e da difesa, o intorno ad un

convento o una chiesa che segnassero per così dire il “cuore” del villaggio da difendere

tutti uniti. D’altra parte la penisola, priva di risorse minerarie e quindi tagliata fuori

dalle linee percorse dai grandi traffici, non ha mai offerto le condizioni che

Stefania Palmentieri

184

naturalmente spingono la popolazione ad addensarsi in grandi centri. In una regione

litoranea la popolazione che vive delle risorse del mare si stabilisce per lo più vicino

alla costa: ciò spiega perché nella fascia fino a 100m di altitudine si localizzino i centri

maggiori di tutta la penisola, a testimonianza della tendenza della popolazione ad

addensarsi nei punti in cui sono facilitati gli scambi e i traffici. L’addensamento sulle

fasce altimetriche più elevate (250-700m) va invece ricondotto alla fertilità del suolo:

il fitto insediamento di queste aree testimonia allora che, accanto al mare, l’attività

agricola ha costituito un ulteriore fattore di distribuzione della popolazione sorrentina

e amalfitana. In particolare, sul versante meridionale, dove il terreno è aspro e tutto

proteso sul litorale, ogni area pianeggiante è stata sfruttata per l’insediamento: si spiega

così come sin dai tempi più remoti la popolazione si sia addensata sulle aree terrazzate

e in prossimità delle spiagge, per lo più costituite da piccoli greti sassosi. Qui il terreno

è in lievissimo pendio, data la forma a conoide delle spiagge; e sulle conoidi, ai piedi

dei promontori rocciosi o dei versanti montani in cui si sono inerpicati i castelli, i

conventi, le chiese si adagiano le piccole case dei borghi. Solo Marina di Vietri,

tuttavia, nato come geminazione del maggiore e più alto centro di Vietri sul mare,

presenta l’impianto di “centro di spiaggia”; tutti gli altri centri del versante amalfitano

hanno forme miste e derivano da un nucleo originario che sorse in alto, sui pendii o

sui costoni, la cui popolazione è pian piano scesa fino al mare quando, in età moderna,

cessarono le incursioni piratesche e si costituirono lungo la costa dei centri di forma

triangolare come Amalfi, Strani, Maiori e Minori. Altri centri si sono sviluppati ad

altitudini maggiori perché la caletta in cui si traevano a riva le imbarcazioni era troppo

piccola per ospitare le case che invece sorsero su brevi ripiani cui si accedeva dal mare

mediante piccole scale scavate nello strapiombo della roccia. A non molta distanza dal

mare sorsero invece i centri di costone e di pendio, con nuclei più addensati laddove

la pendenza si addolciva e con case sparse laddove si inaspriva. I centri di fondovalle

non sono molto numerosi e si allineano nella stretta valle del torrente di Tremonti a

nord di Maiori; del resto essi non potevano fiorire in un contesto in cui le valli sono

strette e dirupate, affogate dagli aspri costoni e dai pendii rocciosi che su di esse

incombono (Merlini, 1937).

Più in generale, il sistema sorrentino presenta un tratto comune a molte regioni

costiere mediterranee: pur in presenza di un contesto socio-culturale comune, è

evidente la netta discrepanza tra il paesaggio delle aree interne e quello costiero, segno

di una diversa vocazione territoriale che nel tempo ha dato vita nelle due aree ad una

Risorse paesaggistiche per lo sviluppo sostenibile della penisola sorrentina

185

diversa evoluzione economica. La fascia costiera, da sempre demandata alla funzione

ricettiva, è stata interessata dalla speculazione edilizia legata soprattutto al fenomeno

delle seconde case e dalla realizzazione di un gran numero di strutture ricettive

alberghiere. Questi elementi hanno concorso in misura considerevole alla profonda

trasformazione del paesaggio e al conseguente impoverimento dell’identità locale. Si

tratta infatti di un’edilizia in molti casi completamente avulsa dal genius loci, che ha

modificato anche l’originaria pianta compatta dei centri, rendendola lineare e

originando un continnum urbanizzato che poi è confluito nella conurbazione costiera

sorrentina.

Le aree interne della Penisola, ancorate ad attività di tipo agricolo e zootecnico, si

presentano sicuramente meno vive economicamente e funzionalmente rispetto a quelle

costiere: sono queste le aree interessate dal fenomeno dell’abbandono della terra,

specie da parte dei giovani, attratti dalle maggiori possibilità lavorative offerte

dall’area costiera e dalla vicina metropoli partenopea. Solo con l’attuazione di

politiche di pianificazione volte allo sviluppo in tali aree di attività di stimolo per

l’economia, come l’agriturismo, i centri interni della Penisola Sorrentina potrebbero

rinvigorirsi economicamente e demograficamente, purché oltre all’eco- compatibilità,

tali attività turistiche si porrebbero anche nel rispetto delle tradizioni e dell’identità

locale. Ciò permetterebbe infatti a queste aree non solo di inserirsi in reti di relazioni

a scala sovralocale e di innalzare il livello di integrazione con le aree costiere –

caratteristica questa determinante per la crescita della competitività territoriale -, ma

anche di integrare diverse attività quali turismo e agricoltura in un’ottica di

complementarità funzionale. Si pensi alla realizzazione di percorsi storici che integrino

centri dispersi, come quelli di mezza costa e di crinale, nei quali una forma seppur

minima di turismo culturale potrebbe effettivamente costituire una primo input di

sviluppo.

I dati della popolazione residente dei centri costieri sorrentini, mettono in evidenza

il forte incremento demografico in tutti i comuni nel periodo compreso tra il 1881 e

l’immediato dopoguerra. Il dato negativo di Piano di Sorrento non è imputabile ad un

decremento demografico reale visto che nel censimento del 1881 il circondario di

Piano includeva frazioni minori (Cerreto, Trinità e Mortora) che evidentemente nel

censimento del 1951vengono considerate a parte. L’analisi di questo dato ci aiuta a

comprendere la forte crescita economica e dunque demografica che in questi centri è

stata evidentemente legata allo sviluppo del settore terziario e del turismo sin dai primi

Stefania Palmentieri

186

del ‘900. Crescita che non si è arrestata, anzi si è incrementata nell’intero arco del

secolo, mantenendo costanti i valori di incremento specie nei centri della conurbazione

costiera.(Tabella 1)

Tabella 1: Lavoratori occupati nei diversi settori di attività economica dei principali

comuni della Penisola Sorrentina e totale residenti, al 2001 (Fonte ISTAT)

COMUNE Agricoltura Industria

Altre

attività

Totale

occupati

Totale

residenti

Amalfi 39 223 1.450 1.712 5.428

Massa Lubrense 477 835 2.878 4.190 12.880

Maiori 110 307 1.239 1.656 5.740

Meta 57 362 1.901 2.320 7.696

Minori 71 213 616 900 3.023

Piano di Sorrento 209 721 3.148 4.078 12.833

Positano 38 301 991 1.330 3.882

Ravello 63 133 658 854 2.508

Sant’Agnello 109 425 2.068 0,125 8.421

Sorrento 233 911 4.459 5.603 16.536

Vico Equense 522 1165 4.174 5.861 20.048

Tot. Regionale 110.543 400.707 975.143 1.486.393 5.701.931

La salvaguardia dei centri storici e del paesaggio m sorrentino deve fondarsi su un

criterio estetico teorico sorretto da una complessa conoscenza dei meccanismi

sistemici del territorio. Si tratta di ripristinare e salvaguardare, per quanto possibile, la

commistione tipica degli insediamenti mediterranei tra rurale e rurbano. Ciò dovrebbe

risultare meno difficile per i centri e le regioni di grande fama paesistica e turistica

come quelli della Penisola Sorrentina; i fondi necessari sarebbero infatti forniti

dall’Unione Europea , secondo quanto previsto dalla Convenzione Europea del

Paesaggio. Il turismo non si configurerebbe più in tal modo solo come veicolo di

denaro, ma anche come ulteriore strumento di diffusione a scala mondiale della fama

di questi luoghi, sostenuta da fatti concreti, visibili nella direzione della tutela e

valorizzazione sostenibile. (Manzi, 2001 b)

Un patrimonio paesaggistico di tale entità esige infatti una tutela attenta e capillare.

La Regione Campania ha disposto un piano paesistico-territoriale per l’area

Sorrentino-Amalfitana in cui alcune “Aree” e “Zone” sono fatte oggetto di protezione

paesistica. Le Aree sono accorpamenti di comuni, le Zone sono microegioni con

caratteri di maggiore o minore urbanizzazione o con emergenze paesaggistiche,

naturalistiche, agricole, infrastrutturali, ecc. L’agrumeto per esempio, risulta oggetto

di interesse nelle categorie che includono giardini, insiemi di pregio vegetazionale o

Risorse paesaggistiche per lo sviluppo sostenibile della penisola sorrentina

187

di interesse archeologico, insediamenti antichi accentrati, parchi speciali e territoriali,

risorse naturali integrate ecc.

Specie per Sorrento, presa d’assalto nel periodo della speculazione edilizia degli

anni Sessanta e Settanta, è oggi sentita la necessità di protezione degli ultimi giardini

e delle pochissime aree di agrumeto ancora presenti nel tessuto urbano storico e in

quello perturbano. Sorrento conserva infatti un aspetto paesistico decoroso che esprime

la vocazione sia di luogo di turismo qualificato, sia di località centrale della Penisola

in senso culturale, storico e funzionale. Non solo: essa esprime la corrispondenza con

l’immaginario paesistico colto e meno colto, nazionale e internazionale, perché il

paesaggio dell’agrumeto sorrentino rientra nelle immagini impresse nella memoria. E’

per questo che gli agrumeti e i giardini residui vengono visti con una maggiore

sensibilità: essi costituiscono una parte integrante del tessuto urbano che a Sorrento e

dintorni è a lungo stato caratterizzato dalla simbiosi tra giardini e costruito.

Volendo a questo punto stabilire il livello di competitività territoriale dell’area in

esame, vale a dire quanto delle risorse qui presenti venga utilizzato non solo a fini

turistici, ma soprattutto in vista di una rifunzionalizzazione che guardi agli insiders, ci

chiediamo se la dotazione delle risorse materiali e immateriali venga valorizzata e

“riconvertita” per concorrere all’apertura e al rilancio del territorio verso l’esterno e

quale sia stato il ruolo svolto da tale sistema nel contesto regionale Ci chiederemo

altresì se vengano o meno attivate delle politiche di sviluppo a scala locale o

sovralocale per adeguare il sistema al cambiamento che inevitabilmente gli deriva dal

contatto con l’esterno.

Le nuove linee programmatiche poste in essere dalla Regione Campania per lo

sviluppo locale prevedono interventi relativi alle opere infrastrutturali da finanziare

nell’ambito del Piano Integrato Territoriale Sorrentino- Amalfitano. Nato

ufficialmente nel giugno del 2000 per qualificare l’offerta di una delle principali mete

di turismo internazionale, questo Pit, che conta 35 enti proponenti di cui 27

amministrazioni comunali, punta all’integrazione tra aree costiere e interne, cercando

di coniugare, attraverso una attenta azione di salvaguardia e difesa del suolo, la

valorizzazione delle risorse ambientali e culturali con un processo di integrazione

socio-economica che si accompagni al rafforzamento di un sistema di relazioni che

favorisca l’apertura verso l’esterno anche delle aree interne. Il Pit vede in prima fila le

amministrazioni provinciali di Napoli e Salerno e si pone l’obiettivo di accrescere la

competitività del territorio secondo tre direttrici: potenziamento e riqualificazione del

Stefania Palmentieri

188

sistema di accoglienza e valorizzazione del patrimonio culturale, assetto e difesa del

territorio e dell’ambiente, organizzazione del sistema della mobilità in chiave

sostenibile. E’ previsto il recupero e la riqualificazione delle masserie e di edifici

storici e storico-industriali, la valorizzazione dei beni archeologici, monumentali e

ambientali, il rilancio dei prodotti tipici, lo sviluppo di infrastrutture per lo sport e il

tempo libero, il recupero dei borghi rurali, gli aiuti per l’impresa dell’accoglienza, la

certificazione della qualità, l’incentivazione a misura di sicurezza del territorio. Il Pit

prevede anche azioni di assetto e difesa idrogeologica, creazione e potenziamento di

impianti di depurazione, realizzazione di parcheggi, riqualificazione e ampliamento di

approdi per il turismo da diporto e la realizzazione di sistemi di trasporto pubblico

alternativi. L’obiettivo dichiarato è quello di “valorizzare un sistema di notevole pregio

dal punto di vista culturale e al tempo stesso mirare a conservare identità e tradizione”.

Combinando la possibilità di accedere ai finanziamenti previsti da più assi e misure

del POR è stato posto obiettivo di sviluppo incardinato su tre elementi: turismo,

cultura, ambiente. Attraverso il recupero del patrimonio archeologico si intende

garantire una riqualificazione del tessuto urbano e del territorio promuovendo

l’immagine e le funzioni sociali della Penisola sorrentina attraverso la

rifunzionalizzazione e dunque la nuova fruizione delle antiche vestigia. Il recupero e

la riconversione delle aree, di cui alla L 236/93 per lo sviluppo armonico ed

ecocompatibile dell’area è l’idea forza del Pit che interessa 14 comuni. L’attuazione

dei progetti infrastrutturali è diretta a risolvere innanzitutto le carenze esistenti,

essendo forte l’esigenza della costruzione di nuovi porti. Già nel 2001 un consorzio di

imprese locali ha presentato insieme al comune di Massa nell’ambito di una procedure

di project financing una proposta relativa al rilancio dell’area portuale; idea che poi è

stata integrata all’interno di un progetto più ampio lanciato successivamente dall’ente

regionale: il Programma Quadro, finalizzato al rilancio delle attività portuali nella

provincia di Napoli, nel quale occupa un capitolo specifico la costiera sorrentina, dalle

coste di Vico fino all’approdo Rocomone.

Questi interventi favorirebbero non solo l’integrazione territoriale tra la penisola e

il contesto regionale, ma rilancerebbero anche nei centri costieri nuove forme di

imprenditoria legata ad attività secondarie, accrescendone la funzione di nodi di

sviluppo a scala sovra-locale. L’evoluzione economica della popolazione costiera si è

infatti orientata quasi esclusivamente verso le attività ricettive, trascurando la

possibilità di incrementare il secondario attraverso, ad esempio, la trasformazione dei

Risorse paesaggistiche per lo sviluppo sostenibile della penisola sorrentina

189

prodotti agricoli locali. La produzioni tipiche del limoncello e dell’olio sono di scala

ridotta, non sufficiente ad assicurare una diversificazione dello sviluppo economico

che invece costituirebbe un ulteriore fattore di competitività territoriale anche per le

aree interne.

L’appiattimento dell’economia locale, incentrata quasi esclusivamente sul settore

turistico e i processi di omologazione in atto si accompagnano ad un progressivo

appiattimento culturale che priva anche il paesaggio della sua funzione di referente

culturale per gli insiders e di veicolo di crescita culturale per gli outsiders

Dal punto di vista della competitività, quello sorrentino potrebbe dunque essere

inquadrato in una tipologia di “sistema territoriale potenziale”. Ad una notevole

dotazione di risorse sia materiali che immateriali, fa riscontro una scarsa propensione

al rinnovamento, essendo la sua economia arrestata su posizioni immutate da circa 40

anni: lo testimoniano la netta predominanza delle attività legate al turismo sin dagli

anni ’60 e la scarsissima presenza di quelle connesse al settore secondario, in cui si

assiste alla prevalenza di investimenti provenienti dall’esterno, non sufficienti a

stimolare un cambiamento della “rotta regionale”, che rimane dunque ancorata ad

obiettivi pregressi.

Una via per accrescere il livello di competitività territoriale del sistema sorrentino

potrebbe essere costituita dalla rifunzionalizzazione delle sedi e dimore delle aree

rurali interne. Ciò permetterebbe non solo, come abbiamo già detto, il rilancio di queste

aree e il loro inserimento nelle reti sovralocali, ma anche una certa

“destagionalizzazione” dei flussi turistici, grazie alle nuove opportunità che si

offrirebbero all’agriturismo che, svincolato da condizioni climatiche particolari,

permetterebbe di estendere la stagione turistica a tutto l’arco dell’anno, di creare nuove

opportunità lavorative e dunque di ricondurre i giovani in queste aree un tempo da loro

abbandonate, di elevare il livello di integrazione territoriale e dunque la competitività

stessa del sistema.

Bibliografia

ATTANASIO S. (1999), La lettura delle componenti del territorio, in M. Rosi ed, La

fascia costiera della Campania, Ricerca sulle coste del Tirreno Meridionale, CNR e

MURST, Posidonia, Napoli, pp 177-186

Stefania Palmentieri

190

AUSENDA F. (1989), Le riserve marine: una proposta di turismo compatibile con

l’ambiente, in Atti del Convegno Internazionale Turismo e ambiente nella società

post-industriale, T.C.I,. Milano, pp 523-538

CAMAGNI R., (1993), Lo spazio-tempo nel concetto di milieu innovateur, in Atti

della XIV Conferenza Italiana di Scienze Regionali, Boogna 1993, Milano, Angeli

COCCOSSIS H. (1996), “Policy issues”, in Workshop on Policies for Sustainable

Development of Mediterranean coastal Areas, Santorini island, pp 23-63

CONTI S. (1997), L’acquisizione della conoscenza come processo localizzativo, in

“Sviluppo locale”, Torino, n.4, pp 5-26

COPPOLA G. (2002), Alcune note su sviluppo locale e territorio in Campania.

Organizzazioni del territorio, Sistemi Locali del Lavoro, specializzazioni produttive,

CORTESI G. (1995), Urban change and the environement. The case of North-western

Mediterranean, Guerini, Milano

DAINELLI G. (1930), Guida della escursione alla Penisola Sorrentina, in “Atti

dell’XI Congr. Geog. Ital.”, Vol. IV Guida delle escursioni e cataloghi delle mostre,

Napoli, Giannini, pp 57-97

DEMATTEIS G. (1993), Sistemi territoriali locali come nodi di reti. Alcune

definizioni e impostazioni, in A. Piano (a cura di) Insegnamento, ricerca e pratica in

urbanistica, Torino pp 59-68

FONDI M. (1991), Per una ricerca sui Beni Culturali: standardizzazione ed emergenze

nel paesaggio della Penisola Sorrentina, in:” Studi geografici in onore di Domenico

Ruocco”, Loffredo ,Napoli, pp 689-694

GALANTI G. M. (1794) Descrizione geografica e politica delle Sicilie, Napoli,

Gabinetto Letterario, t. IV

LA REGINA F. (1999), L’architettura delle coste. Contributo per un’analisi culturale

dei sistemi costieri e proposte per una politica di conservazione integrata, in M. Rosi

ed, La fascia costiera della Campania, Ricerca sulle coste del Tirreno Meridionale,

CNR e MURST, Posidonia, Napoli, pp 79-102

LAZZERONI M. (2001), La competitività territoriale. Proposta per una metodologia di

analisi, Boll. Soc. Geog.., Gennaio-Giugno 2001, fasc. 1-2, pp 65-82

LEMMI E. (2001), Vecchi problemi e nuovi sistemi di sostenibilità ambientale nella gestione

turistica degli spazi costieri mediterranei, in B. Cori, E. Lemmi ed, La regione mediterranea.

Sviluppo e cambiamento, Patron, Bologna, pp 125-134

Risorse paesaggistiche per lo sviluppo sostenibile della penisola sorrentina

191

MANZI E. (2001), Sviluppo sostenibile, diversità del paesaggio, turismo e litorali

mediterranei in Boll. Soc. Geog. It., fasc. 3, pp447-455

MANZI E. (2001 b) Paesaggi come? Geografia, geo-fiction e altro, Loffredo Editore, Napoli,

pp 249-274

MERLINI G. (1937), La Costiera Amalfitana, in Boll. Soc. Geogr. Ital. Vol. II, pp. 760-782

NICOLETTI L. (2001), Beni culturali: dalla riscoperta alla rivalorizzazione, in M. Mautone

(ed.), I Beni Culturali: risorse per l’organizzazione del territorio, Patron, Bologna, pp 97-108

POLLICE F. (1996), L’agriturismo in provincia di Napoli: quali prospettive? in: Orizzonti

Economici. Le città del Turismo-1, n.82, Electa, Napoli, pp 30-48

RUOCCO D. (1951), La casa rurale nella Penisola Sorrentina, in: “Annali della Facoltà di

Lettere e Filosofia”, Università di Napoli, vol. I, pp 213-253

RUOCCO D.(1982) Guida della escursione alla Penisola Sorrentina, in “Atti dell’XII Congr.

Geog. Ital.”, Vol. IV, Guide alle escursioni congressuali, a cura di E. D’Arcangelo e D.

Ruocco, Napoli, pp 167-322

SERENO P. (2001) Il paesaggio “bene culturale complesso”, in M. Mautone (a cura di), I

beni culturali. Risorse per l’organizzazione del territorio. Bologna, Patron, pp 129-138

SCHMIDT DI FRIEDBERG, (1994), Conservation and Natural Parks in the Mediterranean

Area, in Bianchi E. (a cura di) Global Change Perception, Milano, pp 127-131

STORPER M. (1997), The Regional World Territorial Development in a Global Economy,

New York, Guilford Press

T.C.I. (1985), Città da scoprire. Guida ai centri minori. Italia Meridionale e insulare. n. 3,

Milano

TELLESCHI A.,(1992), Turismo verde e spazio rurale in Toscana, “La valorizzazione

turistica”, in: L. Viganoni ed., Lo sviluppo sostenibile. La Basilicata oltre il sud, , Ed. Scient.

Ital. Napoli, pp 395-400

VITA A. (2001) Turismo e sviluppo locale. Un’analisi del sistema territoriale Amalfitano,

in:” Riv. Geo. It., Fasc. 1, marzo, pp 87-110

Commenti

Translate »