Quantcast

Sant’Agnello, striscione per Regeni: dietrofront del comune

Più informazioni su

Sant’Agnello, striscione per Regeni: dietrofront del comune. Ce lo dice Salvatore Dare in un articolo pubblicato sull’edizione odierna del quotidiano Metropolis. La famiglia Gargiulo può fin da subito reinstallare lo striscione “Verità per Giulio Regeni”. La svolta è arrivata grazie a un’autorizzazione firmata dal sindaco Piergiorgio Sagristani che, appena era esploso il putiferio per la rimozione suggerita dai vigili urbani, non aveva trattenuto la propria amarezza facendo trapelare un bel po’ di imbarazzo. La fumata bianca è arrivata a pochi giorni dall’intervento dei caschi bianchi che avevano invitato la famiglia Gargiulo a rimuovere il cartello per il ricercatore torturato e ucciso in Egitto cinque anni fa. A rendere nota la decisione del sindaco di Sant’Agnello è Paola Gargiulo, che aveva denunciato la decisione choc del comando di polizia municipale con uno sfogo postato anche sui social network: «Mi è stata trasmessa dal sindaco Sagristani, l’autorizzazione al riposizionamento dello striscione “Verità per Giulio Regeni” che mi era stato ingiunto di rimuovere lo scorso 18 marzo. Mia sorella ed io siamo molto felici di questa sua decisione e ringraziamo lui e tutte le persone che hanno condiviso quanto accaduto» sottolinea la signora.

Il caso scoppiò nei giorni scorsi. I vigili urbani, guidati dal comandante Aniello Gargiulo, intervennero nel borgo di Maiano invitando la famiglia Gargiulo a rimuovere il cartello per Regeni. Si tratta di uno striscione di circa un metro di larghezza e che a detta dei caschi bianchi avrebbe potuto procurare pericoli per gli automobilisti. Legandosi a una norma del Codice della strada, la famiglia Gargiulo – a rischio multa decise di togliere il cartello, seguendo l’indicazione dei vigili urbani. Ma manco a dirlo scoppia la polemica. La notizia inizia a circolare anche sui social network. Manco a dirlo, tutti a censurare il comportamento della polizia municipale. Il cartello è stato nuovamente riposizionato come prima e tutto appare risolto. Non solo: la procedura amministrativa termina qui e non ci sarà alcun tipo di sanzione.

Più informazioni su

Commenti

Translate »