Salerno, Giuseppe Gagliano della Confcommercio Campania: “Sì, viaggiare”

Com'è possibile autorizzare i viaggi oltre confine e invece impedire quelli in Italia?

Riportiamo l’interessante articolo di Giuseppe Gagliano, Presidente del Mandamento Metropolitano di Salerno presso la Confcommercio Campania: «Da diversi mesi è in vigore in Italia il divieto di spostarsi tra le Regioni, provvedimento che ha ovviamente determinato una situazione di stallo per gli alberghi e per tutto il sistema dell’ospitalità italiana. La rinascita del turismo non passa attraverso una politica dei ristori, rivelatasi insufficiente, soprattutto per le attività stagionali. Queste sono penalizzate oltremodo da un meccanismo di calcolo del sostegno che non prende in considerazione gli effettivi mesi di apertura e che, di conseguenza, sottostima la cifra destinata a ristorare le perdite. Aspettiamo tutti la diffusione del vaccino quale presupposto indispensabile per il ritorno alla normalità. Ma l’obiettivo di oggi è sopravvivere, salvaguardare i posti di lavoro e tenere in vita il settore trainante di tutta l’economia provinciale. Servono misure sensate che aiutino le imprese, serve evitare che l’Italia si ritrovi svantaggiata al termine della pandemia. Sono prive di logica ed assai dannose per la nostra economia le attuali disposizioni che consentono ad un turista italiano di recarsi ad esempio alle Canarie per Pasqua, purché in possesso di tampone negativo all’andata e al ritorno, ma non gli permettono di venire in Costiera Amalfitana o nel Cilento. “Non si comprende come sia possibile autorizzare i viaggi oltre confine e invece impedire quelli in Italia” ha commentato Bernabò Bocca, Presidente di Federalberghi, alla notizia delle nuove regole che sanciscono il via libera alle vacanze pasquali all’estero. Occorrono regole uguali: il Regno Unito multa chiunque esca dal Paese, da noi rischia solo chi si sposta dentro i confini nazionali. La logica che permette di viaggiare a chi è vaccinato o con tampone negativo, e per questo ritenuto a basso rischio di contagio, deve essere applicata anche ai viaggi in Italia. Una cosa che renderebbe di nuovo possibile frequentare terme, impianti di risalita, città d’arte e costiere. E che per noi imprenditori potrebbe veramente rappresentare un segnale per voltare pagina, su questo sono pronto a scommettere».

Commenti

Translate »