Quantcast

Roma. Galleria Vittoria. I TAROCCHI, PALCOSCENICO DELL’UNIVERSO.

Più informazioni su

    Segnalazione di Maurizio Vitiello – I TAROCCHI, PALCOSCENICO DELL’UNIVERSO.

    Il 1° Marzo la Galleria Vittoria ha presentato “I Tarocchi, Palcoscenico dell’universo”, mostra curata da Tiziana Todi, visitabile fino al 15 marzo 2021, presentata da un testo di Giulia Trapuzzano.
    La mostra tutta al femminile vede esposte dieci artiste: Amalia Cavallaro, Cristina D’Ambrosio, Sonia De Rossi, Roberta Di Sarra, Alba GonzalesLuminita, Flaviana Pesce, Liana Santuccio, Renata Solimini e Federica Zuccheri.

    In un periodo incerto, come quello che stiamo vivendo, pensare che esista il soprannaturale diventa rassicurante e da qui, dopo aver esorcizzato la situazione attuale attraverso la mostra Zona Rossa, Galleria Vittoria esorcizza il futuro con una mostra sui tarocchi.

    La Galleria Vittoria presenta una versione digitale della mostra “I Tarocchi Palcoscenico dell’universo” ricreata in una stanza virtuale a 360°, per permettere ai visitatori che non potranno vedere l’esposizione dal vivo, di vivere l’esperienza della mostra a distanza.

    Dall’origine tuttora incerta e dibattuta, il gioco dei tarocchi in Italia nasce al Nord ai primi del 400, alla corte del Duca di Milano Filippo Maria Visconti, come passatempo per i ceti più elevati, vengono anche utilizzati per leggere il futuro individuale; oggi il gioco è spesso usato come strumento narrativo nella storia e nelle arti.

    La mostra “I Tarocchi palcoscenico dell’Universo” è accompagnata da un catalogo in formato digitale in cui sono raccolte tutte le opere in mostra in cui vengono spiegate le single carte.

    Il catalogo presenta un breve intervento della curatrice alla mostra Tiziana Todi e un testo di Giulia Trapuzzano.

    Scrive Giulia Trapuzzano:

    “[…] Gli archetipi spalancano le porte del nostro mondo psichico, espandono l’universo e ne svelano le trame al nostro io più sottile. Al solo loro apparire rievocano in noi precise immagini e stati d’animo comuni all’umanità intera. E così i Tarocchi, filo rosso magico e imbattibile, ci richiamano a noi stessi per poi legarci indissolubilmente alla coscienza collettiva.

    Come davanti a uno specchio, gli Arcani ci offrono una visione antica eppure perfettamente conservata di un’emozione, di una fase della vita umana, di un’insofferenza comune a tutte le esistenze nel corso del tempo. [..]”

     

    in alternativa contattaci via mail o al numero 06.36001878

     

    VISITA LA MOSTRA IN SICUREZZA.
    Gli accessi allo spazio espositivo saranno contingentati per un massimo di 6 visitatori contemporaneamente ed è obbligatorio l’utilizzo della mascherina.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »