Quantcast

Maiori, no al centro vaccinale. Valentino Fiorillo: “Una sconfitta per tutti”

Maiori. Riportiamo il post dell’ex consigliere comunale Valentino Fiorillo sulla vicenda del centro vaccinale nella città della costiera amalfitana:

Una sconfitta per tutti, soprattutto per la nostra Città. Quello che resta è la spocchia di chi aveva annunciato, con i soliti video autocelebrativi, l’apertura di questo magnifico “centro vaccinale”.

Ho riguardato il video dove il sindaco affermava di aver “fortemente voluto questo centro” di cui essere “fieri e orgogliosi” e che sarebbe stato “oggetto della nostra attenzione” (e questo già ci spaventava) “per far sì che sia efficiente, rapido e possa vaccinare quante più persone…”, scagliandosi contro “la burocrazia cattiva” e “le solite resistenze”.

La rabbia scaturisce dai soliti vergognosi attacchi a chi rileva criticità, le stesse adesso evidenziate da lui stesso in questa nota, additati come “soloni da tastiera’, “scienziati del web” e, addirittura, “nemici della città”.

Non so se fossero state cercate alternative, considerato i tanti spazi della nostra Città, dalle scuole vuote alla grande tendostruttura di proprietà del comune. Il grande risultato raggiunto è che, mentre gli anziani degli altri comuni domani iniziano la seconda dose, i nostri stan facendo ancora la prima. Già sappiamo che nessuno chiederà scusa, affetti da quella che chiamo “sindrome di Fonzie”. Speriamo solo che adesso si faccia in fretta.

A tal proposito riportiamo la lettera inviata lo scorso 16 marzo dal sindaco di Maiori Antonio Capone al direttore generale dell’ASL Salerno Mario Iervolino, al direttore generale dell’Azienda Ospedaliera “Ruggi D’Aragona” Vincenzo D’Amato, al Consigliere del presidente Enrico Coscioni ed e al delegato alla Sanità della Conferenza dei sindaci della Costa d’Amalfi Andrea Reale:

«Il punto vaccinale individuato presso il Centro Anziani di Maiori, pur utile nella fase iniziale del piano antiCovid19, relativa ai soggetti ultraottantenni residenti a Maiori e Minori, non può rivestire carattere di definitività riguardo al prosieguo del piano vaccinale, a ragione di talune evidenti criticità rilevate:

– I locali adibiti al servizio risultano piuttosto angusti in relazione al necessario distanziamento interpersonale, oltre che di non agevole accessibilità riguardo all’età avanzata dell’utenza. Tale disagio, evidentemente, è destinato a permanere per le prossime categorie di vaccinandi, individuate appunto in funzione di patologie particolarmente rilevanti;

– La struttura de qua è collocata all’interno della casa municipale, il che genera inevitabilmente sovrapposizione con il personale e con l’ordinaria utenza degli uffici comunali, con i conseguenti rischi legati a possibili contagi;

– il traffico veicolare lungo il corso principale di Maiori viene aggravato per l’esigenza di accesso in auto di soggetti poco deambulanti;

– A supporto del servizio, per eventuali necessità di immediato soccorso (reazioni avverse, allergie, etc.), risulta assegnata una unità mobile (ambulanza) di solo trasporto, priva sia di attrezzatura di soccorso che di medico rianimatore.

Per i motivi su esposti, rilevata la disponibilità, già manifestata dall’ AOU “Ruggi d’Aragona”, di una sede assai più idonea quale, ove sono peraltro già in corso le operazioni vaccinali per i cittadini di Tramonti, Ravello, Scala, Atrani ed Amalfi, si chiede alle autorità in indirizzo la allocazione presso tale struttura della sede vaccinale anche per i residenti di Maiori e Minori».

Commenti

Translate »