Quantcast

Coni e Libera insieme per ricordare le vittime delle mafie

Più informazioni su

Il mondo dello sport scende in campo oggi con Libera in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. CONI e Libera fanno squadra, per la XXVI Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie promossa da Libera, diventata nel 2017 legge dello Stato. Insieme ai familiari delle vittime, al mondo della cultura, alla  rete associativa, anche gli atleti onoreranno l’impegno a non dimenticare chi ha speso la propria vita nella lotta contro il crimine organizzato. Molte federazioni e realtà sportive di promozione sociale vestono nel week end sportivo del 19-21 marzo una maglia simbolica con la scritta “Lo sport non vi dimentica” per ricordare più di 1000 nomi di vittime innocenti delle mafie, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell’ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore, hanno compiuto il loro dovere. Il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, ha sottolineato il significato dell’adesione da parte dell’Ente e del mondo sportivo: “Siamo particolarmente onorati di poter scendere in campo per omaggiare – attraverso la forza del nostro movimento – la memoria delle vittime innocenti delle mafie. Ci schieriamo accanto a Libera e a Don Ciotti, condividendo i contenuti di una giornata che vogliamo celebrare attraverso l’universalità dei valori che ci caratterizzano, per promuovere un messaggio univoco all’insegna della solidarietà e del rispetto, nel commosso ricordo di chi non c’è più”. “Un cambiamento vero, non un semplice adattamento, è possibile solo attraverso una profonda consapevolezza dei mali che ci affliggono e una generale assunzione di responsabilità nel contrastarli. Solo dalla costruzione di un bene davvero comune può scaturire un’epoca di pace, giustizia e libertà universali. In questa prospettiva – ha dichiarato Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera si colloca la significativa partecipazione del CONI e il mondo dello sport alla “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie” indetta da Libera. Lo sport – quando si coniuga all’etica e alla responsabilità – può essere per i giovani uno straordinario veicolo di crescita umana e culturale, e da sempre i giovani costituiscono la parte più cospicua e attiva del “popolo” di Libera. Ecco allora che questo 21 marzo ci chiede più che mai di fare della memoria del sangue del dolore provocati dalle mafie un impegno a costruire ponti per il futuro. Sono queste le infrastrutture etiche, sociali e culturali di cui ha bisogno il nostro Paese per inaugurare una stagione di prosperità e vincere la ‘partita’ più importante: quella le cui regole sono stabilite dalla nostra Costituzione, carta e “carne” dei nostri valori fondamentali”.

Più informazioni su

Commenti

Translate »