Quantcast

Castellammare pensi ai suoi problemi e lasci il Faito a Vico Equense

Castellammare pensi ai suoi problemi e lasci il Faito a Vico Equense. Con tutti i problemi irrisolti e il Covid galoppante, il Comune di Castellammare di Stabia recrimina e parla di denunce alla Procura di Torre Annunziata, antimafia a Napoli, scomoda Regione Campania e Governo, ma certamente non si capisce cosa si vuole recriminare se il Monte Faito come territorio rientra all’80 % a Vico, il 15% a Castellammare e il 5 % a Pimonte.

Certamente forse quella di Gennaro Cinque è stata una mossa scaltra di barattare metà Monte Faito che appartiene alla ex Provincia (ma bisogna capire a che territorio in proporzioni comprende questo compendio immobiliare) con una scuola di due piani. La vicinanza con De Luca, il buon operato del Parco dei Monti Lattari Anche se, questione a parte, con quale fondi gestire il tutto.

Sarebbe stato più utile affidare ad un solo ente come la Regione Campania che ha più fondi da poter spendere, anche se in tutti questi anni non li ha utilizzati al meglio per la montagna. Ma comunque quella di Vico può rimanere un’ottima mossa se verrà fatto un progetto giusto e sensato e se dalle proprietà che ne verranno in gestione, riuscirà a farle fruttare al meglio, anche e soprattutto economicamente. A beneficiarne saranno tutti, compresa Castellammare, speriamo che non si blocchi di nuovo anche la strada per il Faito dal Quisisana. Certamente c’è da rimanere sconcertati dalle assurde accuse fatte da Cimmino, da un Comune che non riesce a gestire, non per colpa sua, ma per un sistema che blocca tutto, non solo le terme, ma neanche l’ordinario.

Commenti

Translate »