Vincenzo Caprile, il pittore innamorato di Positano. La sua casa diventa un B&B da favola video

Più informazioni su

Vincenzo Caprile, il pittore innamorato di Positano. Chi era Caprile?  

vincenzo caprile,il pittore innamorato di positano

Vincenzo Caprile nacque a Napoli nel 1856, di famiglia benestante, ebbe la possibilità di dedicarsi allo studio della pittura fin da giovanissimo. Egli fu allievo di Gabriele Smargiassi e Achille Carrillo all’Istituto di Belle Arti di Napoli e completò la propria formazione con Domenico Morelli. La frequentazione di Alceste Campriani e Federico Rossano gli diede la possibilità di avvicinarsi alla Scuola di Resina, sperimentando la resa dal vero del paesaggio e della natura. Dal 1873 fino alla fine degli anni 20 prese parte alle Promotrici napoletane, esordì a quella del’73 con il dipinto A Posillipo.
Nel 1874 espose Strada alle paludi, nel 1875 Il crepuscolo d’autunno e l’anno successivo A Torre Annunziata e Ricordo di Torre del Greco. Partecipò inoltre a esposizioni nazionali ed internazionali tra quelle di Milano, Melbourne, Venezia, Roma, Berlino etc. Nel 1888 divenne professore onorario dell’Istituto di Belle Arti di Napoli e nello stesso anno soggiornò a Buenos Aires dove ricevette molte commissioni per ritratti da parte dei più importanti politici cittadini.
Rientrato a Napoli nel 1890 si dedicò quasi esclusivamente alla pittura di paesaggio e fu ritrattista ufficiale dei Savoia. Negli ultimi anni di vita gli vennero dedicate mostre personali alla Permanente di Napoli (1924), a Milano (1933) e a Livorno (1934). Nel 1927 espose insieme a Vincenzo Gemito e Vincenzo Migliaro alla Galleria Pesaro.
Morì a Napoli il 23 giugno 1936 e, come altri pittori che hanno soggiornato a Positano si è innamorato dello splendido panorama, infatti uno dei principali protagonisti dei suoi quadri è proprio la ridente cittadina della Costiera Amalfitana.
Durante il suo soggiorno a Positano fu una persona amata e stimata da tutti e trasmise a vari pittori, tra i quali Federico Apuzzo, il suo amore per l’arte e la natura.

Apuzzo Eliana ,Russo Angelo

La sua casa in Via dei Glicini, a ridosso di Via Pasitea, ora è diventato un Bed & breakfast da favola, dopo essere stato acquistato dagli eredi di Caprile dalla famiglia Guida, che lo hanno ristrutturato rispettandone la fisionomia originaria, con gusto e cultura, è una vera emozione entrare in questa casa e affacciarsi da quei balconi dove Caprile prendeva ispirazione per la sua arte.

 

Più informazioni su

Commenti

Translate »