Quantcast

Perde ancora un Sorrento fermato dai legni

Perde ancora un Sorrento fermato dai legni

Sul taccuino bisogna annotare una gara negativa dal punto di vista del risultato che porta i costieri a limite della zona play out.

Perde ancora un Sorrento fermato dai legni

Redazione – Ad Andria ancora sconfitto un Sorrento fermato dai legni.

Sul taccuino bisogna annotare una gara negativa dal punto di vista del risultato che porta i costieri a limite della zona play out. Una gara dai due volti da parte dei sorrentini: primo tempo propositivo che colpiscono due traverse di La Monica e Procida che poi impegna in angolo l’estremo biancazzurro.

Ripresa con i rossoneri che sono bassi ed Andria che alza il proprio baricentro mettendo sulla difensiva la squadra di mister Fusco che poi è trafitta con due reti.

Certo che se le due traverse avessero avuto un altro esito non staremo qui a parlare in altro modo, ma il calcio è questo, i tre punti sono andati alla Fidelis mentre zero al Sorrento, che ora deve guardarsi dalla zona play out.

Le reti – Sono due e le realizza la Fidelis Andria tutte nella ripresa: 21’ punizione centrale dai 22 metri di Cerone, la palla aggira la barriera di quel tanto e si infila a fil di palo dove Scarano non può nulla; 51’ Monaco entra in area si defila ma Fusco lo atterra, dal dischetto non fallisce Monaco che mette la palla alta alla sinistra dell’estremo costiero.

La gara – Il copione parla di un tempo ciascuno: primo a favore di un Sorrento propositivo che vuole riscuotersi dalla pesante sconfitta casalinga infrasettimanale contro il Fasano, ma viene fermato sia dalla traversa che dall’estremo andriese. Secondo a favore dell’Andria che con gli innesti alza il suo baricentro, macina gioco ed anche imbastisce ficcanti azioni, che poi vengono ben finalizzate a proprio favore.

I costieri hanno un buon approccio alla gara, ed all’8’ Liccardi ci prova di prima intenzione al volo ma la palla a fil di traversa viene messa in angolo da Petrarca, poi al 13’ la punizione a parabola di Masullo è deviata in angolo dall’estremo andriese, su azione da corner La Monica colpisce la traversa. La Fidelis si affaccia verso la porta di Scarano al 17’ ma la finalizzazione dalla trequarti di Benvenga va sulla traversa di un metro. L’estremo costiero deve intervenire al 24’ sull’ex Figliolia che deve fermare in uscita. Ci provano al 26’ Manzo ma la sfera va alta sulla traversa così come la punizione dai 30 metri di Cerone. La traversa piena al 32’ di Procida fa tremare ancora l’Andria che poi si fa vedere al 34’ con la testa di Cerone e con Scaringella che impegnano al doppio intervento l’estremo rossonero. Il tempo lo chiude al 37’ Procida che dalla distanza impegna a fil di traversa Petrarca in angolo.

Copione ribaltato nella ripresa con l’Andria che si porta nella metà campo costiera, al 4’ Cerone impegna in una parata alta e non difficile Scarano. I locali alzano sia il baricentro ed il ritmo guadagnando metri, mentre il Sorrento li perde e si chiude nella propria metà campo. Scarano al 13’ deve sventare in angolo a fil di traversa la palla di Manzo, mentre mister Panarelli immette forze fresche e resta con lo stesso modulo. I pugliesi battono cassa ed il Sorrento incassa la prima rete al 21’, poi al 24’ Prinari, defilato in area, manda sull’esterno della rete. I costieri si scuotono con Cunzi al 31’, la sua palla da fondo campo cozza sul palo esterno e termina a fondo campo. Al 44’ Masullo vanifica il possibile pareggio di testa di Cacace perché colpisce anche lui di testa ma era sulla linea in fuorigioco. Nei minuti di recupero al 49’ la punizione dalla distanza di Mancino, che ritorna in campo dopo l’infortunio, viene sventata in angolo con il classico volo da Petrarca, chiude la gara il rigore realizzato da Prinari.

 

CAMPIONATO SERIE D 2020/21 – GIORNE H –  20^ GIORNATA – 3^ RITORNO

FIDELIS ANDRIA – SORRENTO  2-0

Goals: st – 21’ Cerone, 51’ Prinari (rig).

FIDELIS ANDRIA (3-4-1-2): Petrarca; Clemente, Fontana, Carullo (5’st Pelliccia); Benvenga, Dipinto, Manzo (15’st Bolognese), Avantaggiato (15’st Prinari); Cerone (37’ Monaco); Figliolia, Scaringella (25’st Paparusso).

A disp: Stasi, Tutino, Di Schiena, Mariano.  Allen: Luigi Panarelli.

SORRENTO (4-4-2): Scarano; Gargiulo Als (42’st Gargiulo Alf), Cacace, Fusco F, Masullo; Basile, La Monica (30’st Cassata), Langella (29’st Mancino), Camara (42’st Camara); Liccardi, Procida (17’st Cunzi).

A disp: Oliva, Somma, Maranzino, Vitale.  Allen:  Luca Fusco.

Arbitro: Gianluca Catanzaro di Catanzaro.

Assistenti: Elia Tini Brunozzi (Foligno) – Andrea Barcherini (Terni).

Espulso: 52’st Luca Fusco (allenatore S) per doppio giallo per vibrate proteste.

Ammoniti: pt – 28’ Carulllo FA), allen Fusco (S), 45’ La Monica (S); st – 22’ Cacace (S), 31’ Gargiulo Als (S), 41’st Basile (S).

Note: Giornata soleggiata, 16°; erba artificiale in buone condizioni; spettatori: gara giocata a porte chiuse come da decreto ministeriale per il Covid-19.

Angoli: 1-7.  Recupero: 1’pt e 6’st.

GiSpa

Commenti

Translate »