Quantcast

Pareggio del Sorrento al fotofinish

Tutto si stava vanificando a causa di un errore difensivo, su un terreno reso pesante per la pioggia incessante ma la caparbietà dei costieri li ripaga del loro crederci

Redazione – Il Sorrento ottiene un pari al fotofinish contro la corazzata Picerno.

Tutto si stava vanificando a causa di un errore difensivo con un passaggio orizzontale, su un terreno reso pesante per la pioggia incessante ma la caparbietà dei costieri li ripaga del loro crederci.

I rossoneri tornano in campo dopo ben un mese di astinenza dal manto verde a causa del Covid-19 che ha colpito molti calciatori e staff, senza che si potessero sia allenare che disputare le gare dopo quella casalinga persa contro il Portici il 10 gennaio.

Nonostante che gli allenamenti fossero ripresi solo da pochi giorni la voglia di scendere in campo la si è vita fino alla fine su un terreno pesante, sotto una pioggia incessante che ha ben innaffiato i costieri che nonostante un rigore fallito dagli avversari che poi sono passati in vantaggio su un errore difensivo, per la seconda volta, ci hanno creduto fino alla fine, ed il pareggio al 39’ di La Monica è il giusto premio finale.

Le reti – Il primo tempo è quello più prolifico, infatti tre delle quattro reti sono state realizzate in esso. Albadoro apre l’alba dei gol al 6’ di testa tutto solo in area su un cross dalla fascia sinistra di Oyewale, gli risponde quasi a stretto giro al 9’ la testa di Gargiulo Alfonso che incorna svettando in area più alto di tutti rifinendo un angolo dalla sinistra. Il Picerno torna in vantaggio al 43’ grazie ad un errore della difesa costiera con un passaggio orizzontale di Mezavilla per Fusco e ne approfitta D’Angelo che non perdona con una sfera a mezza altezza che si insacca alla sinistra di Scarano.

Il pareggio definitivo dei rossoneri arriva al tramonto della gara, al 43’ della ripresa con La Monica che concretizza l’assist di Cunzi dalla sinistra.

La gara. È bella ma fino ad un certo punto, perché condizionata dall’incessante pioggia e dal terreno pesate, perché il vivace Picerno, costruito per fare il salto di categoria, basti vedere che ha comprato l’ex rossonero Antoio Zito, e poi sulla panchina c’è un certo Ciro Ginestra, anche lui ex rossonero, che ha masticato  calcio tra serie A, B e C1, ci mette del pepe nelle sue azioni. Il Sorrento tiene bene botta e si difende anche a denti stretti che però non lo sono in difesa quando Albadoro resta solo in area è può insaccare senza problemi di testa, ripaga con la stessa moneta Gargiulo Alfonso. I costieri dopo la rete del pareggio alzano per qualche minuto il baricentro ma i lucani non abbassano la guardia ed innescano incalzanti azioni, ci prova al 25’ Esposito ma la sua finalizzazione a giro sfiora di poco il palo, al 28’ D’Angelo entra in area e viene atterrato, l’arbitro decreta senza esitazione il tiro dagli 11 metri, ma Esposito innesca un rasoterra parato da Scarano che individua la traiettoria.

Albadoro cerca la rete del vantaggio lucano e la sua seconda personale ma il rasoterra diagonale gli sfiora il palo, poi la rete di D’Angelo su erroraccio della difesa costiera chiude la prima frazione.

La seconda legge lo stesso copione: Picerno che mena le danze e Sorrento sulla difensiva.

Non  accade molto, i rossoblù sono alti, aggressivi e non lasciano spazio, imbastiscono delle ficcanti azioni ma non le cuciono, i rossoneri non escono quasi dalla loro metà campo, ma quando si affacciano verso la porta difesa da Summa si rendono pericolosi. Così come ancora Albadoro al 33’ che calcia in area da una pozza d’acqua ma Scarano d’istinto gli ribatte di piede la sfera. La rete al fotofinish di La Monica chiude una gara giocata su un campo inzuppato, dove al volte le pozzanghere avevano la meglio e si scivolava anche.

Con il pari odierno i costieri smuovono la classifica portando si 20 punti mentre il Picerno ritorna in vetta a 28 punti, a pari merito con il Lavello.

Ora i costieri dovranno scendere in campo esterno per due domeniche consecutive. domenica 14 febbraio ad Aversa contro la Real Agro e poi il 21 in Puglia contro il Nardò, non disdegnando che durante la settimana ci possono essere i recuperi delle gare non disputate.

CAMPIONATO SERIE D 2020/21 – GIORNE H –  12^ GIORNATA (recupero)

AZ PICERNO – SORRENTO  2-2

Goals: pt – 6’ Albadoro (P), 9’ Gargiulo Alf (S), 43’ D’Angelo (P); 39’st La Monica (S).

AZ PICERNO (3-5-2): Summa; Nossa, Girasole, Finizio; Oyewale, Pitarresi, Dettori, D’Angelo (42′ st Iadaresta), Konè; Esposito (21′ st Zito), Albadoro.

A disp. Giuliani, Caiazza, Carnevale, Origlia, Guerra, Orsi, Allegretto. Allen: Ciro Ginestra.

SORRENTO (4-4-2): Scarano; Cesarano (9’st Camara), Mezavilla, Fusco, Masullo; Cassata (42’st Gargiulo Asl), La Monica, Langella (14’st Maranzino), Grimaldi (9’st Basile); Gargiulo Alf (14’st Liccardi), Cunzi.

A disp: Oliva, Russo, Giordano, Procida.  Allen:  Luca Fusco.

Arbitro: Domenico Leone di Barletta.

Assistenti: Lucio Salvatore Mascali (Paola) – Davide Gigliotti (Lamezia Terme).

Ammoniti: st – 16’Esposito (P), 30’ Mezavilla (S), 33’ Konè (P), Ginestra (allenatore, P).

Note: Giornata piovosa con vento, 11°; erba naturale pesante; spettatori: gara giocata a San Gregorio Magno a porte chiuse come da decreto ministeriale per il Covid-19.

Angoli: 5-5.  Recupero: 1’pt e 5’st.

GiSpa

Commenti

Translate »