Ospedale Unico Penisola Sorrentina, il post a favore e lo studio di fattibilità da 40 a 60 milioni di euro

Ospedale Unico Penisola Sorrentina, il post a favore e lo studio di fattibilità. Abbiamo pubblicato le riflessioni dei contrari, da Sorrento a Vico Equense, pubblichiamo il post a sostegno dell’Ospedale Unico sulla pagina facebook dedicata. Positanonews è un giornale non di parte, quindi ospitiamo tutte le opinioni, può piacere o meno, non impressioni il lievitare dei costi dal piano di fattibilità dai 40 ai 60 milioni di euro , bisogna comunque analizzare bene la situazione e capire .
Ospedale Unico Penisola sorrentina
Questo il post
Sulla realizzazione dell’Ospedale Unico a Sant’Agnello all’indomani dell’annuncio del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che ha finanziato l’opera, è ripresa la “canea social” degli oppositori alla realizzazione di un’opera pubblica destinata a elevare il livello di qualità dell’assistenza sanitaria ospedaliera nella Penisola Sorrentina nell’interesse della popolazione residente e dei turisti che, frequentandola, sostengono il principale settore economico dell’area.
In qualunque altra parte del mondo si eleverebbero “peana” per questa opportunità più unica che rara….Tanto più dopo la tragica esperienza della pandemia, peraltro tuttora in corso, che ha mostrato tutti i limiti dell’attuale organizzazione sanitaria territoriale e non solo di quella.
C’è da chiedersi come sia possibile alimentare un dissenso verso un’opera pubblica tanto importante per il presente e soprattutto per il futuro dell’area costiera che, stando al vecchio piano sanitario nazionale, avrebbe addirittura visto accorpati gli Ospedali di Sorrento e di Vico Equense a quello di Castellammare di Stabia nell’ambito di un ridimensionamento che, questo si, avrebbe arrecato un danno enorme alle popolazioni peninsulari.
Oggi che questo rischio è stato sventato grazie a un lavoro durato anni e a una pazienza infinita che si sono “sposate” con la determinazione politica del governatore De Luca conseguendo un risultato che, fino a qualche anno fa, era follia soltanto ipotizzarlo, ebbene si agitano persone e gruppi il cui fine è quello di cercare di ostacolare la realizzazione dell’opera e magari nello stesso tempo accusano la sanità peninsulare di inefficienze, carenze e rischi per l’utenza.
Un Ospedale moderno e dotato delle più avanzate tecnologie, capiente e ricco di nuove specialità mediche, può essere soltanto un vanto per un territorio e tutto il sistema politico-amministrativo, socio-economico e associativo in generale dovrebbe unire gli sforzi affinchè l’opera giunga alla luce nel più breve tempo possibile!
E’ vero che la stragrande maggioranza dell’opinione pubblica è stata ben lieta della notizia e che perseguire l’unanimismo è utopia, ma qui stiamo parlando di un’opera la cui mission è quella di occuparsi del bene pubblico e individuale più prezioso: la nostra salute!
Ben vengano le critiche costruttive purchè finalizzate a non perdere o ritardare la realizzazione dell’opera destinata a cambiare il volto della nostra sanità! E se, com’è probabile, ci saranno da fare sacrifici prima di vederla realizzata, li si faranno con la consapevolezza che alla fine la Penisola avrà un’eccellenza ospedaliera al servizio della comunità.
Bisogna costruire il ben-essere comune piuttosto che alimentare il mal-essere pur di assecondare visioni politiche lontane dalla cura degli interessi generali o anche meschini e nascosti interessi individuali che potrebbero essere lesi dalla realizzazione del progetto.
Perciò uniamo gli intenti e remiamo tutti nella stessa direzione se vogliamo il bene del nostro territorio!
INCONTRO ALLA REGIONE CAMPANIA A NAPOLI DI TUTTI I SINDACI DELLA PENISOLA SORRENTINA IL 3 FEBBRAIO 2021

Commenti

Translate »