Mughini: Rigore per Napoli come i contatti in bus ogni 30″

Mughini: Rigore per Napoli come i contatti in bus ogni 30″

L’analisi del giornalista juventino dopo il big-match del Diego Maradona

Serie A 2020/2021: Napoli-Juventus 1-0

Mastica amaro Giampiero Mughini. Non si aspettava probabilmente la sconfitta della sua Juventus e nella sua lettera aperta a Dagospia prova a mascherare di fair-play un malumore egualmente evidente per come è maturata. Con il suo consueto stile barocco Mughini sottolinea come il Napoli non abbia fatto un tiro in porta, come il rigore che ha deciso la gara fosse a suo avviso generoso e ritiene che in campo succedono cose stranissime che cacciano probabilmente via definitivamente la Juventus dal giro scudetto.

Mughini boccia il primo tempo di Napoli

I primi 45′ non son piaciuti al giornalista-scrittore (“Nel primo tempo non era successo nulla di nulla, assolutamente nulla, i due portieri avrebbero potuto benissimo andare a vedere un film porno nel quartierino attorno allo stadio senza che questo alterasse minimamente il risultato”) e non gli è piaciuto neanche il rigore.

Mughini sarcastisco sul rigore per gli azzurri

Sull’episodio che ha deciso la partita Mughini dice così: “Succede che arrivasse un cross dei napoletani al centro dell’area juventina e che il dottor Chiellini nell’andare su in aria deponesse gentilmente il suo braccio sul volto di un giocatore napoletano che non aveva la benché minima possibilità di disturbare il portiere juventino che stava raccogliendo la palla senza turbamenti di sorta.

Quanto al contatto tra Chiellini e l’avversario ho usato con attenzione il verbo “deporre”, un contatto che in un autobus all’ora di punta succede ogni trenta secondi. Naturalmente il giocatore napoletano stava lì a torcersi per terra come se lo avessero frustato a morte. L’arbitro va al Var e concede il rigore, che Insigne tira benissimo. 1-0. Niente da dire, nel calcio il rigore è quando l’arbitro fischia e non c’è nulla da aggiungere.

Mughini incredulo per il risultato

Infine Mughini racconta la ripresa in cui “la Juve sovrasta e annichilisce l’avversario” ma la palla non vuole entrare con il Napoli che supera la metà campo sì e no una o due volte fino all’amara riflessione: Il Napoli vince 1-0 senza avere mai tirato in porta e a parte quel rigore che dire rocambolesco è niente. Non che la Juve abbia creato o inventato chissà che. E’ il calcio, bellezza”

Commenti

Translate »