Maksimovic capro espiatorio ?

MAKSIMOVIC CAPRO ESPIATORIO?
Il momento di forma del centrale serbo del Napoli Nikola Maksimovic è decisamente dei meno migliori. Un grave errore in uscita ed un fraintendimento col centrocampista Demme nella scorsa partita contro il Genoa ha provocato di fatto il facile goal dell’ex Pandev. Insieme al non felice momento di forma espresso nelle ultime quattro partite, questa debacle ha posto Maksimovic sugli scudi. Il serbo viene anche accusato di essere a scadenza contratto il prossimo Giugno e di richiedere uno stratosferico ingaggio per un eventuale rinnovo.
Indubbiamente i coincidenti infortuni di Manolas nella partita col Genoa ed il tegolone sulla testa del Napoli per il contagio al Covid di Koulibaly obbligano Mister Gattuso ad utilizzare per le prossime tante partite del periodo il centrale serbo. Maksimovic esordirà da titolare in una rinnovata coppia di centrale insieme al kosovaro-albanese Rrahmani. L’inedita coppia Maksimovic-Rrahmani fotografa apparentemente la critica situazione della società Napoli calcio: un serbo ed un kosovaro-albanese a difendere l’area di rigore partenopea. Serbi e albanesi in Kosovo sono come cani e gatti dappertutto. Sembrerebbe che piova sul bagnato per il Napoli calcio nelle prossime partite. Ovvero un ulteriore problema di compatibilità ambientale ed antropica tra i due centrali del Napoli divenuti titolari, loro malgrado per le prossime partite. Anche Rrhamani è sugli scudi dei tifosi napoletani, infatti da un plateale errore in un retropassaggio al portiere Meret offrì al centravanti udinese Lasagna l’involontario facile assist per il goal che mandò in vantaggio la compagine friulana. Quello che è sfuggito ai tifosi, ai giornalisti ed agli appassionati di sport in occasione della papera di Rrahmani fu il seguito. Rrahmani aveva esordito con la maglia del Napoli proprio in quella partita, dopo esser stato acquistato dal Napoli per ben 13 milioni di euro dall’Hellas Verona. Dopo lo sfortunato retropassaggio ed il susseguente goal avversario il kosovaro accennò un breve pianto, ponendosi le mani davanti agli occhi. Maksimovic, unico tra i calciatori del Napoli, subito accorse a confortare e ad abbracciare fraternamente Rrahmani. Maksimovic più esperto del collega ebbe la sensibilità e l’umanità di un gesto sportivo ed umano di rara sensibilità.
Passò inosservato questo dettaglio di un serbo che conforta un kosovaro-albanese; ed è passato inosservato anche il dettaglio nell’ultima partita col Genoa che il duo Maksimovic-Rrahmani nel secondo tempo dopo la sostituzione di Manolas con il kosovaro non ha subito goal e tutte le azioni del Genoa sono state stoppate sul nascere dai due centrali in questione. Ritornando al serbo, ci si è anche dimenticati del determinante apporto dato nella semifinale di ritorno e nella finale della Coppa Italia vinta dal Napoli nella passata stagione. Maksimovic fu il migliore in campo in quelle due partite insieme ai due portieri Ospina e Meret. Sono convinto che Maksimovic e Rrhamani si riscateranno nelle prossime partite nonostante le non belle prestazioni delle ultime partite. Quando lo sport va oltre la politica e la storia un serbo ed un kosovaro-albanese potrebbero riscattare questo Napoli malconcio. Il calcio potrebbe essere anche questo.
EUGENIO LORENZANO

Commenti

Translate »