Il governo Draghi porta a casa la prima fiducia, quella al Senato. I voti favorevoli sono stati 262, 40 i contrari – 19 provenienti da Fratelli d’Italia – e 2 gli astenuti.

Più informazioni su

    Si tratta di una maggioranza di 101 voti in più rispetto al tetto della maggioranza assoluta fissato a 161. Pesano i 15 senatori pentastellati che hanno votato contro – Abate, Angrisani, Corrado, Crucioli, Di Micco, Giannuzzi, Granato, La Mura, Lannutti, Lezzi, Mantero, Mininno, Moronese, Morra e Ortis –, sei non hanno partecipato al voto e altri due si sono astenuti.
    Secondo quanto riportato da AGI, potrebbero essere espulsi dal M5s i dissidenti che hanno votato contro la fiducia al governo Draghi, collocatisi ormai fuori dalla maggioranza. Una strada annunciata nei giorni scorsi nelle chat e nelle riunioni online dei gruppi “frondisti” che se semmai volessero avrebbero addirittura i numeri per formare un gruppo a Palazzo Madama.
    I fari sono puntati sulla Camera dove oggi verrà votata la fiducia.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »